fbpx

La Regione punta al turismo tutto l'anno e per farlo si affida alle potenzialità cicloturistiche. Al lavoro per reperire fondi europei che servano a finanziare il progetto di integrare tutte le piste ciclabili del territorio regionale, dal mare all'entroterra


Le Marche pensano al futuro del turismo, e l'obiettivo principale è destagionalizzare l'offerta. Per raggiungere lo scopo, un contributo importante può arrivare dal cicloturismo, soprattutto in considerazione della varietà di paesaggi del territorio marchigiano.
La Regione Marche si prepara quindi ad affrontare la sfida della stagione turistica 2016, e nell'immediato quella della stagione autunnale, puntando alla destagionalizzazione per sfruttare la scia dei risultati più che soddisfacenti registrati nei mesi estivi.
"Puntiamo a diversificare l'offerta e nell'ottica della destagionalizzazione il cicloturismo, che sta riscuotendo un crescente interesse anche nel mercato estero, è un segmento dalle grandi potenzialità" ha affermato l'assessore regionale a Turismo e Cultura, Moreno Pieroni. L'assessore ha spiegato che la Regione è al lavoro per reperire fondi europei indispensabili per realizzare un progetto ambizioso: il collegamento di tutte le piste ciclabili esistenti nelle Marche, un percorso integrato che unisca sempre di più mare e entroterra. "Del resto, il paesaggio variegato della nostra regione si presta ad ogni tipo di esigenza per la vacanza in bici. Per consolidare gli ottimi risultati di quest'anno seguiremo inoltre tre criteri guida: la valorizzazione dei cluster nelle diverse e più importanti manifestazioni fieristiche; la promozione dei progetti di qualità che diano il giusto rilievo a tutti i tipi di offerta; la collaborazione con i soggetti territoriali (tra i quali i Gal delle Marche) per ottimizzare le risorse di bilancio o partecipando a progetti interregionali".
Il primo appuntamento internazionale di promozione fieristica è al CosmoBike Show di Verona, da oggi fino al 14 settembre: l'appuntamento costituirà un traino strategico per l'economia e la diffusione della cultura della bicicletta, oltre che lo strumento per rispondere alle esigenze delle aziende e dei turisti. La Regione Marche partecipa alla Fiera utilizzando i fondi del progetto interregionale Pievi e Abbazie in sinergia con operatori incoming regionali, ottimizzando gli spazi e uniformando il messaggio di destinazione vocata al turismo in bicicletta. Oltre alla Regione, gli operatori presenti con un proprio stand sono: Consorzio Urbino e il Montefeltro con il progetto Montefeltro active holiday, Marche and Bike, Confindustria Ascoli Piceno e Provincia di Ascoli Piceno con il progetto Piceno Bike.
Negli stessi giorni la Regione Marche è presente anche al Salone del Camper di Parma dal 12 al 20 settembre 2015, per incontrare gli appassionati del settore che nel 2014 hanno indicato proprio le Marche come la regione più attrattiva in Italia per i camperisti.

 

LEGGI ANCHE: Cicloturismo, accordo tra Regioni per la pista da Verona a Firenze

Ciclovia dell'Adriatico, bando da 1,1 milioni di euro in provincia di Pescara

Abruzzo, 1,35 milioni per la ciclopedonale "Via dei Mulini"

Umbria, la nuova pista ciclabile Spoleto-Assisi e l'impegno per la mobilità dolce

Cicloturismo, la Toscana "laboratorio" per l'estate 2015

 

Fonte foto: destinazionemarche.it