fbpx

Iniziativa patrocinata dal Comune calabrese: appello ai cittadini per segnalare i beni bisognosi di intervento, poi la gioielleria devolve parte del fatturato e una lotteria tra i cittadini per finanziare il restauro. "Un progetto di marketing socio territoriale"


I monumenti e i beni artistici di una città vengono spesso definiti come i suoi "gioielli", oggetti preziosi da mostrare e da tutelare perché mantengano la propria bellezza. A maggior ragione lo si potrà dire di Cosenza, dove una gioielleria ha lanciato un'iniziativa patrocinata dal Comune con cui chiede alla cittadinanza di segnalare i beni artistici che necessitano di intervento al cui finanziamento provvederà una parte del fatturato della gioielleria e i partecipanti a una lotteria che mette in palio un gioiello creato per l'occasione.
Nella città che ha insediato da poco il comitato scientifico per la valorizzazione di un altro tesoro, quello semi-leggendario di Re Alarico, la Gioielleria Scintille Montesanto lancia "La Città del Cuore", che da Cosenza definiscono "il primo progetto di marketing socio-territoriale" che inizierà venerdì 11 settembre con una sfilata di gioielli storici di Gerardo Sacco, partner dell'iniziativa, nel Castello normanno svevo di Cosenza, dove è avvenuta anche la presentazione alla stampa, con Rosaria Succurro, assessore al marketing territoriale del Comune di Cosenza.
Il progetto di marketing socio-territoriale è mirato al restauro di un sito o monumento della città calabrese bisognoso di intervento. La gioielleria chiede a tutti i cittadini di segnalare fino al 31 dicembre i piccoli e grandi tesori della città di Cosenza che amano e vorrebbero salvare, con l'obiettivo di sensibilizzare alla tutela del patrimonio artistico e paesaggistico cosentino e favorire la collaborazione fra comunità e istituzioni sia private che pubbliche. (link per le segnalazioni www.scintillemontesanto.com/lacittadelcuore)
Il budget destinato al recupero dell'opera, che sarà scelta tra quelle suggerite dai cittadini compatibilmente con i fondi raccolti, sarà alimentato in due modi. Da una parte la Gioielleria Scintille Montesanto devolverà al progetto una percentuale del proprio fatturato generato dall'11 settembre al 31 dicembre 2015; dall'altra la Gerardo Sacco Srl ha realizzato un gioiello del valore commerciale di 8.000 euro che sarà messo in palio per una riffa i cui biglietti saranno disponibili a partire dalla sfilata dell'11 settembre al Castello Svevo e fino a fine anno presso i punti vendita a Cosenza e San Marco della gioielleria.
"Il patrocinio del comune di Cosenza a questo progetto rappresenta il segno tangibile di una collaborazione tra pubblico e privato. Soprattutto serve a sensibilizzare e rendere protagonista tutta la cittadinanza, sempre più attiva nelle azioni social" è il commento dell'assessore Succurro.

 

LEGGI ANCHE: Cosenza, un comitato scientifico per il turismo sul tesoro di Alarico

"Grosseto partecipa", il Comune chiede ai cittadini come investire 400.000 euro nel turismo

Molise, il Comune di Termoli chiede aiuto ai cittadini per foto emozionali

Vini e moda, l'asta che promuove le eccellenze made in Italy