fbpx

In occasione della Giornata mondiale dell'ambiente, la Regione ha predisposto una serie di eventi per gli amanti della bicicleta. Dal Giro a VenTo alla Vertical Race, per confermare l'impegno del Piemonte per cicloturismo, sport e sostenibilità


Una settimana di eventi e appuntamenti a pedali in Piemonte, tra sport, turismo e sostenibilità. Regione Piemonte punta sulle due ruote per creare sviluppo economico e turistico, oltre che per motivi di mobilità sostenibile e di sport inteso come mezzo per migliorare la salute e fare prevenzione. In vista della Giornata mondiale dell'Ambiente del 5 giugno, la Regione ha messo a punto un programma di iniziative denominato Party in Bici, che dal 30 maggio al 7 giugno vedrà un susseguirsi di appuntamenti organizzati da Regione Piemonte, Città di Torino, ToBike, SR Miur, Politecnico di Milano, Parco regionale del Po e delle colline torinesi, Rotary Distretto 2031, Fiab Torino Bici & Dintorni.
Ci sono le competizioni agonistiche, il Giro d'Italia e la Torino Vertical Race, che celebrano Torino Capitale dello Sport 2015; c'è l'invito del Bike Pride a mostrare l'orgoglio di chi sceglie i pedali della bici per una mobilità sostenibile e ci sono le pedalate più impegnative di VenTo ed Explorando, che vogliono attirare l'attenzione su quelle che saranno le principali direttrici ciclabili del Piemonte, creando i presupposti per uno sviluppo economico e turistico soprattutto in alcune aree ancora marginali. L'idea, spiega un comunicato ufficiale, è quella di intercettare il settore del turismo a due ruote, che in Paesi come la Germania produce un indotto di 9 miliardi con 190.000 occupati.
"La valorizzazione ambientale è una nostra grande priorità. Il carattere di unicità dei nostri ambienti fluviali, unito a ciò che offriamo sotto il profilo culturale, enogastronomico, e climatico, dovrebbe farci svettare sulla concorrenza a nord delle Alpi, che attira soprattutto per la forte presenza di infrastrutture" ha commentato il presidente del Piemonte Sergio Chiamparino.
La mobilità sostenibile rappresenta infatti una delle priorità della Regione Piemonte, che intende investire nella rete ciclabile sperando anche di ottenere finanziamenti europei con i progetti già presentati nei primi bandi della programmazione 2014-2020 e partecipando a quelli di prossima pubblicazione. Per questo motivo ha avviato un tavolo interdirezionale per la definizione di un progetto di rete ciclabile, perché pedalare di più significa minori immissioni di anidride carbonica in atmosfera, più salute, perché è provato che un'attività fisica quotidiana non necessariamente intensa previene rischi cardiovascolari ed obesità, più sicurezza, in quanto meno veicoli circolanti comportano minori rischi per gli utenti deboli, e tra questi ci sono proprio i ciclisti, sviluppo economico per le attività collegate al settore delle due ruote.

 

LEGGI ANCHE: Piemonte, ancora in crescita i turisti nel 2014

Turismo e sport in montagna, 1,7 milioni dal Piemonte per lo sviluppo sostenibile

Torino punta agli occhi del mondo, grazie agli studenti universitari

Torino, Po e collina candidate al patrimonio ambientale Unesco

Giro d'Italia, punta di diamante di un turismo sportivo da 5 miliardi di euro

VenTo, la pista ciclabile che vale 100 milioni all'anno

VENTO, la pista cicloturistica è diventata anche un film