fbpx

La Giunta regionale piemontese approva i criteri di assegnazione delle risorse per infrastrutture turistiche e sportive volte a favorire lo sviluppo dei territori montani. A ciascuno dei due interventi 870.000 euro


La Giunta regionale del Piemonte ha deliberato interventi a favore del settore dell'ospitalità alberghiera e ha deciso di destinare circa 870.000 euro per lo sviluppo sostenibile del sistema turistico montano. Il programma prevede in particolare il recupero, a scopo turistico, di strutture ferroviarie in disuso, come caselli, stazioni, carrozze.
Nel 2015, inoltre, i bed & breakfast potranno estendere la propria attività all'intero anno, oltrepassando in via eccezionale il limite delle 270 giornate per l'anno di Expo Milano.
Soddisfazione è stata espressa da parte dell'assessore regionale allo Sport Giovanni Maria Ferraris per l'approvazione dei criteri per l'assegnazione delle risorse a sostegno degli interventi di impiantistica sportiva per lo sviluppo del sistema montano. Le risorse economiche rientrano all'interno del Piano Finanziario PAR-FSC 2007-2013 (Fondi Europei), che prevede al proprio interno due specifiche azioni: una misura rivolta alle infrastrutture sportive e una rivolta alle infrastrutture turistiche, curata dall'assessore al turismo Antonella Parigi. E anche alle infrastrutture sportive andranno circa 870.000 euro.
"Un provvedimento atteso da tempo che vede la Regione Piemonte impegnata per la valorizzazione delle attività sportive estive ed invernali della montagna e soprattutto di ogni iniziativa volta a favorire la pratica sportiva outdoor" è il commento dell'assessore Ferraris, che ha sottolineato come "la Giunta regionale si è impegnata non solo a recuperare il patrimonio infrastrutturale esistente e spesso in disuso, ma a creare nuova impiantistica nei territori montani, anche quelli più periferici del Piemonte, per lo sviluppo di pratiche sportivo-turistiche con particolare riferimento agli sport praticabili all'aria aperta". "Senza dubbio bisogna lavorare sulla normativa dello sport, per renderla più adeguata all'attualità" ha concluso Ferraris "ma ritengo fondamentale dare prima di tutto ossigeno ai territori e la delibera approvata oggi è un primo passo in questa direzione".

 

LEGGI ANCHE: Alpi italiane e straniere dal 1° luglio 2015 unite nella Macroregione