fbpx

Secondo l’ufficio del turismo brasiliano, basteranno le spese sostenute dai turisti nei 30 giorni della Coppa del mondo a ripagare gli investimenti pubblici. Tutto il resto sarà tanto di guadagnato

 

Un mese per ripagare anni e anni di spese. Il resto è tutto guadagno: in estrema sintesi è questo il verdetto dell’Embratur (l’ufficio del turismo brasiliano) sui mondiali di calcio che l’anno prossimo si terranno in 12 città del Brasile: la capitale Brasilia e Cuiabá nel Centro-Ovest; Manaus nel Nord; Recife, Fortaleza, Natal e Salvador nel Nord-Est; Curitiba e Porto Alegre nel Sud; Belo Horizonte, Rio de Janeiro e San Paolo nel Sud-Est.

L’annuale classifica dell’Economist Intelligence Unit premia ancora una volta Australia e Nuova Zelanda, che piazzano 5 città nei primi 10. Completano la top ten 3 città canadesi e due europee

 

Il paradiso in Terra? Dall’altra parte del mondo. Secondo Dante, nel mare australe ci sarebbe stato il Purgatorio, ma secondo The Economist Intelligence Unit è nell’emisfero meridionale che si trova la metà delle città migliori per vivere.

Sottocategorie