fbpx
Aeroporto Pisticci Matera

L’aviosuperficie Mattei diventerà un aeroporto di terzo livello. Ne beneficeranno Salerno, Potenza e Matera, al lavoro per costituire un unico polo turistico con grandi potenzialità

L’accordo è stato firmato il 7 dicembre, la pista “Enrico Mattei” di Pisticci (MT) da aviosuperficie diventerà aeroporto nazionale con tanto di biglietteria e controllo passeggeri. Sarà un aeroporto di terzo livello per favorire l’imprenditoria, il turismo, la cultura, lo sviluppo economico e l’occupazione nella provincia di Salerno e nell’intera Basilicata.

Il partenariato ha coinvolto istituzioni e categorie imprenditoriali di Basilicata e Campania: Comune e Provincia di Matera, Provincia di Potenza, Comune e Provincia di Salerno, Confindustria Basilicata, Camera di Commercio di Salerno. L’intesa vuole promuovere una rete di connessione e di sviluppo fra aree meridionali. A gestire lo scalo sarà la compagnia aerea Winfly, già concessionaria dell’attuale servizio aeroportuale. I tempi previsti per avere la piena funzionalità dell’aeroporto, dopo aver ottemperato alle prescrizioni dell'Enac, sono dell’ordine di pochi mesi, tre o quattro al massimo.

Gli operatori turistici e commerciali di Salerno e Matera sono già al lavoro per definire pacchetti di viaggi per le prossime festività, con la possibilità di un itinerario Salerno-Potenza-Matera. Le potenzialià turistiche sono enormi. “Le Luci d’Artista” a Salerno, che ha preso il via il 5 novembre scorso, è un forte attrattore di visitatori (sono attesi 1,2 milioni di persone sino a febbraio 2017) e può diventare un’opportunità di prolungamento di soggiorni a Potenza in vista dell’evento “L’anno che verrà” con la diretta Rai e a Matera per il suo cartellone di manifestazioni natalizie e di fine anno. Si lavora, inoltre, a una rete di collegamento tra la costiera amalfitana e cilentana con la Piana di Metaponto e la Sibaritide, valorizzando i siti archeologici di Paestum, Metaponto e Sibari e per altri itinerari del turismo culturale, oltre che naturalistico-ambientale (Parchi Nazionali Cilento, Appennino Lucano-Val d’Agri, Pollino), proponendo una vacanza all’insegna della cultura con tappa fondamentale a Matera, Capitale europea della cultura 2019. Oltre al turismo potrà beneficiare a breve termine dell’accordo di partenariato anche il comparto alimentare dei prodotti tipici delle due regioni.