fbpx

Le due Regioni danno vita a una macro film commission meridionale, per sviluppo turistico e culturale. Tra i testimonial al Lido ci sarà anche Claudio Santamaria

Calabria e Basilicata hanno scelto la Mostra del Cinema di Venezia per presentare ufficialmente l’alleanza appena stretta che riguarda le produzioni cinematografiche. In occasione della 73ª kermesse al Lido, infatti, lunedì 5 settembre le due Regioni illustreranno il protocollo d’intesa appena sottoscritto sul cinema.
I governatori di Basilicata e Calabria, Marcello Pittella e Mario Oliverio, hanno infatti deciso di mettere in sinergia le Film Commission regionali, di cui sono azionisti di riferimento, per poter meglio operare nell’attrarre produzioni nazionali e internazionali nei propri territori, favorendo così economie di scala con gestione comune di fondi e sinergia delle maestranze.
“L’essenza del meridionalismo regionale è la sua cooperazione. Solo un idem sentire e la comune visione dei problemi può dare scacco ai ritardi che frenano la competitività del Mezzogiorno” hanno scritto in una nota congiunta i due presidenti regionali, nell’annunciare l’intesa che sarà presentata il 5 settembre in Laguna, dove il governatore calabrese Mario Oliverio e l’assessore regionale Francesco Pietrantuono (che sostituisce il presidente Pittella ancora convalescente dopo un infarto) illustreranno i dettagli dell’accordo di stretta cooperazione insieme al neo nominato presidente della Calabria Film Commission, Pino Citrigno, e al direttore della Lucana Film Commission, Paride Leporace.
“Ho condiviso con Marcello Pittella l’idea di un percorso strategico di azione comune per lavorare in modo parallelo nel panorama nazionale e internazionale al fine di attrarre produzioni che possano favorire le economie dei nostri territori e la crescita delle nostre piccole e medie imprese aumentando anche la promozione del turismo delle nostre aree che, anche in vista di Matera capitale europea della cultura, possono essere pronte a far guadagnare numeri significativi per il nostro sistema Paese” ha spiegato il governatore della Calabria, Mario Oliverio “Con Marcello Pittella condivido la visione mediterranea del Mezzogiorno d’Italia, in cui, con la sinergia attivata, le nostre regioni si propongono come capofila di cooperazione istituzionale e di buone pratiche, modello di un Mezzogiorno che supera i localismi e si propone come risorsa per la crescita del Paese.
“Da sempre sono sostenitore del fatto che le Regioni meridionali (peraltro tutte di uguale colore politico) mettano insieme pubbliche amministrazioni e comunità locali per innovativi percorsi di crescita economica e sociale del Sud Italia. La collaborazione tra Basilicata e Calabria nel cinema, uno dei settori vitali italiani, va certamente in questa positiva direzione” ha confermato il governatore lucano Marcello Pittella.
L’acronimo scelto per la presentazione è “Lu.Ca.” (Lucania-Calabria), e Venezia segnerà l’avvio di un primo progetto operativo pronto a essere realizzato il prossimo autunno nel Parco del Pollino, a cavallo tra le due Regioni. A illustrarlo saranno gli autorevoli protagonisti che hanno aderito con entusiasmo alla sperimentazione della prima macro film commission meridionale.
Ci sarà quindi Claudio Santamaria (lucano d’origine e interprete in una fiction di successo di una delle principali icone calabresi come Rino Gaetano) che si accinge al debutto alla regia del corto “The Millionairs”. Con lui, a ricostruire la fortunata accoppiata del pluripremiato “Lo chiamavano Jeeg Robot”, Gabriele Mainetti che nelle vesti di produttore ha molto apprezzato l’idea di girare “The Millionairs” lungo il confine calabro lucano all’interno del Parco del Pollino, la più grande area protetta d’Europa.
Iniziative simili in futuro potranno essere costruite con enorme facilità nell’area di prossimità delle coste ioniche e tirreniche, nel golfo di Policastro tra Praia a Mare e Maratea, lungo le dorsali appenniniche dove le relazioni tra le due regioni hanno rapporti secolari. Sono già diversi i dossier presentati alle due Film Commission per verificare la possibilità di realizzare film in coproduzione tra le due regioni negli straordinari scenari che caratterizzano i loro paesaggi.