fbpx

Presentato il Piano Annuale del Turismo Italiano 2020

Mibact e Enit puntano su sostenibilità, slow tourism e turismo del lusso. Nel 2019 sono stati registrati dati positivi, oggi si punta a mercati emergenti come la Cina

Turismo del benessere, benessere per il turismo: le mete EDEN d'Italia

Le destinazioni italiane nella rete del wellness europeo e l’importanza di un turismo slow, sostenibile e destagionalizzato

Varata l’edizione 2020 di Italian Council: 1,3 milioni per l'arte contemporanea

In crescita il programma del Mibact dedicato all’arte contemporanea, ora giunto all’ottava edizione

Eco in Città, stili di vita sostenibili nelle guide di Roma e Milano

La guida, pensata per turisti e residenti delle due maggiori città d'Italia, è un progetto di Pentapolis Onlus che risponde a una domanda green sempre maggiore

Il MiBACT promuove i piccoli musei italiani ricchi di capolavori

"Ogni museo un’emozione che ti fa crescere" è lo slogan creato per valorizzare i musei meno noti

mautomkgt

amavido

Banner PICS

banner

Gennaio 23, 2020

Emilia-Romagna, bando da 3,5 milioni per la promozione culturale

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

La Regione stanzia 3,5 milioni di euro per progetti e iniziative di cultura popolare, storia…
Gennaio 22, 2020

Presentato il Piano Annuale del Turismo Italiano 2020

in Notizie

by Debora Calomino

Mibact e Enit puntano su sostenibilità, slow tourism e turismo del lusso. Nel 2019 sono…
Gennaio 21, 2020

Via Francigena e Via di San Francesco, 2,8 milioni per interventi sui cammini

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

All’Emilia-Romagna assegnati fondi statali per la realizzazione di 37 interventi nei territori di Piacenza, Parma,…
Gennaio 21, 2020

Nelle Marche la nuova Ciclovia dell'Esino che unisce mare e montagna

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

A regime la Regione Marche avrà piste ciclopedonali per uno sviluppo di 500 chilometri
Gennaio 20, 2020

Gli ostelli del futuro, tra inclusività e integrazione virtuosa viaggiatori-residenti

in Editoriale

by Claudio Pizzigallo

Dopo Milano e Venezia, anche a Torino ha aperto Combo, un modello destinato a far…
Gennaio 15, 2020

La Sicilia investe sul turismo archeologico

in Dal Territorio

by Debora Calomino

Tre milioni di euro a favore della riqualificazione dei parchi archeologici siciliani, al fine di…
Gennaio 14, 2020

Turismo del benessere, benessere per il turismo: le mete EDEN d'Italia

in Notizie

by Claudio Pizzigallo

Le destinazioni italiane nella rete del wellness europeo e l’importanza di un turismo slow, sostenibile…
Gennaio 14, 2020

Ciset, buone notizie per il turismo: un 2020 col segno più per Italia e mondo

in Dal Mondo

by Teresa Principato

Previsti +3,1% di arrivi nel Belpaese e +3,5% a livello mondiale. I Paesi dell’Europa Centrale…
Gennaio 10, 2020

Varata l’edizione 2020 di Italian Council: 1,3 milioni per l'arte contemporanea

in Notizie

by Claudio Pizzigallo

In crescita il programma del Mibact dedicato all’arte contemporanea, ora giunto all’ottava edizione
Gennaio 10, 2020

I colori di Israele per salutare il 2020

in Opinioni

by Claudio Pizzigallo

Un viaggio in Israele: se partire è una scommessa, partire insieme è una promessa
Gennaio 08, 2020

#TuscanyTogether: il turismo toscano si riorganizza con un piano da 7 milioni

in Dal Territorio

by Teresa Principato

Al via la nuova governance regionale per la promozione del territorio. La regia di metodo…
Gennaio 07, 2020

Eco in Città, stili di vita sostenibili nelle guide di Roma e Milano

in Notizie

by Claudio Pizzigallo

La guida, pensata per turisti e residenti delle due maggiori città d'Italia, è un progetto…
Gennaio 07, 2020

Il MiBACT promuove i piccoli musei italiani ricchi di capolavori

in Notizie

by Debora Calomino

"Ogni museo un’emozione che ti fa crescere" è lo slogan creato per valorizzare i musei…
Dicembre 30, 2019

Toscana plastic free: al via il protocollo di intesa per la sostenibilità ambientale

in Dal Territorio

by Teresa Principato

Stanziati 300mila euro per sensibilizzare e coinvolgere cittadinanza, turisti e scuole e diventare entro il…
Gennaio 03, 2020

Sardegna, l’unione fa la forza turistico-culturale: accordo tra tre Comuni del sud dell’isola

in Dal Territorio

by Teresa Principato

Avviato un percorso di valorizzazione e potenziamento dell'offerta locale. L’obiettivo di lungo periodo è la…
Dicembre 30, 2019

Istituito e riconosciuto per legge l’oleoturismo

in Notizie

by Riccardo Caldara

Questo particolare segmento turistico viene ora equiparato a tutti gli effetti al turismo del vino.…
Dicembre 30, 2019

Nasce la “Scuola italiana di Ospitalità”

in Notizie

by Riccardo Caldara

Cassa Depositi e Prestiti lancia un nuovo modello formativo per gli operatori del turismo. I…

Mentre non si sono ancora spente le polemiche per l’acquisto dell’isola sarda di Budelli da parte di un imprenditore neozelandese, Santo Stefano, nell’Arcipelago Pontino, finisce su un annuncio di vendita online. L’area è protetta, ma anche in questo caso lo Stato non potrà acquistare un pezzo di patrimonio paesaggistico d’Italia

 

“Vendesi Isola di Santo Stefano, la più piccola isola dell’Arcipelago Pontino, ad un miglio circa dall’Isola di Ventotene. L’isola di S. Stefano esercita un richiamo turistico notevole: gli scorci naturali, lo splendido mare ed i fondali ricchi di pesci e flora marina costituiscono uno scenario unico per chi ama il mare e gli sport subacquei; S. Stefano costituisce infatti un paradiso naturalistico incontaminato”: inizia così, su Immobiliare.it, l’annuncio della messa in vendita di Santo Stefano, l’isola dove – come lo stesso annuncio ricorda – furono incarcerati l’anarchico Gaetano Bresci, noto per aver ucciso il re Umberto I, e il futuro presidente della Repubblica Sandro Pertini, incarcerato per la sua opposizione al regime fascista.

Un’altra isola in vendita, dopo quella sarda di Budelli recentemente acquistata, tra non poche polemiche , da un imprenditore neozelandese. Un altro pezzo di patrimonio d’Italia che finisce su un annuncio di vendita online, come più volte capitato per esempio al borgo abruzzese di Valle Piola. “S. Stefano ha una superficie di ettari 28.76.67, di cui 25.30.79 ettari appartengono ad un unico proprietario ed i restanti 3.45.88 appartengono al Demanio (l’area dell’ex cittadella Carceraria Borbonica)” spiega ancora l’annuncio di vendita. Il proprietario attuale è, come riportano le agenzie di stampa, “un notaio napoletano che vuole restare anonimo”, e l’area in vendita è edificabile, anche se inserita in una zona marina protetta (Area Marina Protetta di Ventotene e Santo Stefano).

In realtà non è neanche la prima volta che Santo Stefano finisce in vendita: a giugno, Casa 24 Plus de “Il Sole 24 Ore” riportò le dichiarazioni dell’agenzia immobiliare che aveva messo in vendita l’isola. All’epoca il prezzo richiesto era di 22 milioni di euro, e l’agenzia informava che sul territorio di Santo Stefano mancava anche la rete idrica. “Nell’isola non esiste una rete idrica, ma ci sono numerose cisterne per la raccolta dell’acqua piovana; la produzione di energia è affidata a pannelli solari” conferma infatti l’annuncio attuale.

Il sindaco di Ventotene, Giuseppe Assenso, la storia la conosce bene. Qualche anno fa, infatti, cercò di comprare su mandato l’isola: “Sette-otto anni fa l'allora governatore del Lazio Piero Marrazzo mi diede il mandato di acquistarla per conto della Regione. Il proprietario è un notaio napoletano, e io andai a Napoli nel suo studio per incontrarlo. Potevo trattare, questa l'indicazione di Marrazzo, fino a due-tre milioni di euro. Ma il proprietario mi fece una richiesta sproporzionata: venti milioni”.

L’annuncio comparso su Immobiliare.it, invece, non fa riferimento al prezzo ("Trattative riservate" si legge), ma di sicuro la cifra sarà sensibilmente superiore ai 2,94 milioni di euro pagati per Budelli. Per quanto riguarda i vincoli ambientali, la quasi totalità dell’area in vendita è di fascia A (riserva integrale), che prevede vincoli ambientali e paesaggistici particolarmente severi che, per la legge italiana, sono indipendenti dal regime demaniale, e quindi dalla proprietà. Proprio questi vincoli hanno permesso di mantenere intatto il fascino di Santo Stefano, come lo stesso annuncio ricorda, e anche il nuovo proprietario dovrà attenervisi. Ciò che fa storcere il naso ad alcuni, piuttosto, è che, come successo per Budelli, anche Santo Stefano difficilmente potrà essere acquistata da soggetti pubblici. Ancora il sindaco di Ventotene spiega: “Noi come Comune non siamo nelle condizioni. Potrei chiedere alla Regione, ma non credo che a quelle cifre ci staranno”. E così, appunto, l’unica soluzione è che l’isola passi da un privato a un altro privato. Con buona pace del patrimonio pubblico.

 

LEGGI ANCHE: Il commento del direttore Bruno Caprioli: "Governo, dove sei?"

L'isola di Budelli a un neozelandese, e lo Stato non può farci nulla

Il borgo abruzzese che cerca (di nuovo) un acquirente su eBay

Leggi altre opinioni ..

Questo sito utilizza cookie tecnici che ci consentono di migliorare il servizio per l'utenza. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Cookie e Privacy Policy. Leggi di più

Questo sito utilizza cookie tecnici che ci consentono di migliorare il servizio per l'utenza. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Cookie e Privacy Policy. Leggi di più