fbpx

Come ogni anno, i mezzi di comunicazione danno l’allarme: un italiano su due non andrà in vacanza. E se invece di preoccuparci provassimo a impegnarci per migliorare le cose?

 

“In vacanza solo un italiano su due”: è questa la notizia più allarmante e allarmata degli ultimi giorni. Una notizia, basata su un sondaggio di Confesercenti e Swg, che ha avuto spazio su tutti i giornali, sui blog, sui profili facebook e twitter di mezza Italia (chissà se la mezza Italia che andrà in vacanza o l’altra): 25 milioni 700 mila connazionali in vacanza, gli altri a casa per colpa della crisi.

Come il barbiere di Siviglia, il ministro risponde “son qua” a chi gli si rivolge sui social network. Ma riuscirà a trasferire idee e suggerimenti dai tweet ai consigli dei ministri?

Il ministro twitta per avere idee e suggerimenti, e gli piovono addosso decine e decine di risposte: ministro devi fare questo, ministro devi fare quello. E lui, novello Figaro rossiniano, risponde: son qua.

Mentre siamo in attesa di avere i primi segnali di come vorrà muoversi il nuovo ministro della Cultura e del Turismo, vogliamo proporre una riflessione basata su una semplice ricerca da noi effettuata, una sorta di benchmarking sulla situazione istituzionale dei Paesi europei per capire in che modo i governi del Vecchio Continente strutturano la propria attività legata al turismo e al marketing territoriale.

D’accordo, questo Paese ha problemi più urgenti. Poiché ne avrà sempre, mentre si occupa di quelli, converrebbe affrontare anche questo: la bellezza può davvero salvare il turismo nostrano?

La Biennale Arti Visive di Venezia con la nuova edizione, il Palazzo Enciclopedico curata da Massimiliano Gioni, porta alla città il tutto esaurito, come dichiara il direttore dell’Associazione Veneziana Albergatori, Claudio Scarpa, sulla base delle prenotazioni acquisite.

Una profonda e innovativa operazione di marketing culturale studiata nei minimi dettagli, quella del British Museum di Londra, che con la Mostra “Life and death Pompeii and Herculaneummette in scena Pompei e l’Antica Roma ricostruendo i suoi spazi abitativi e facendo rivivere i suoi protagonisti in una dimensione attuale. Un progetto imponente e vincente, che sta richiamando molti più visitatori del previsto e sta già facendo registrare il “sold out” per i prossimi mesi, e dal quale il sistema di promozione turistico-culturale italiano dovrebbe prendere spunto.

L’articolo di Alberto Crepaldi sul Fatto Quotidiano di lunedì 20 maggio riassume le perplessità percepite dalla maggioranza degli operatori del settore.

Ovviamente i dubbi non riguardano le persone o le etichette (come abbiamo evidenziato in una nostra inchiesta, la mancanza di ministeri specifici per il turismo in tutta Europa non impedisce ad altri Paesi di lavorare molto e bene per questo comparto), quanto la logica che vi sta dietro.

Note dolenti. La classifica annuale di visitatori nei musei del mondo, redatta dal Giornale dell’Arte & The Art Newspaper, fa registrare un calo generalizzato di tutti i musei italiani, delle antichità e del contemporaneo. Per dirla alla Sgarbi: “La Repubblica italiana non è fondata come dovrebbe essere sulla bellezza, che ne è la prima incontrastabile caratteristica, ma sul lavoro. Faticherei ad obiettare, perché il lavoro è la condizione prima della libertà”. Allora di chi è la colpa?  Per Sgarbi, è facile trovare il capro espiatorio nel sentimento di assuefazione alla bellezza del nostro territorio da parte di chi lo abita. Noi italiani e i nostri politici.

Subcategories

Questo sito utilizza cookie tecnici che ci consentono di migliorare il servizio per l'utenza. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Cookie e Privacy Policy. Leggi di più