fbpx

Le dieci vie per scoprire le bellezze del Mezzogiorno: parte la campagna di comunicazione per l'A2, da cantiere a vetrina turistica

L’Autostrada Salerno Reggio Calabria è stata sempre sinonimo di qualcosa di incompiuto, non di certo un vanto per la Penisola. Con il suo completamento si è deciso di togliere questa scomoda etichetta e donarle una nuova vita, regalandole una nuova identità. È diventata così l’Autostrada del Mediterraneo A2 e non sarà solo un’infrastruttura che consentirà il collegamento tra Campania, Basilicata e Calabria ma sarà soprattutto un luogo di passaggio per scoprire le bellezze e le eccellenze del territorio.

Lungo l’Autostrada del Mediterraneo sarà possibile scoprire cosa c’è oltre il guard rail, deviando lungo i tragitti, grazie alle indicazioni dei cartelloni. Da Fasciano a Villa San Giovanni sono dieci le Vie da scoprire e da vivere: la Via dei Castelli, la Via dell’Archeologia, la Via del Mito, la Via del Mare, la Via dei Parchi, la Via della Storia, la Via della Fede, la Via del Caffè, la Via dello Sport e Sulle Orme di Bacco e Cerere.

{youtube}6PCuW0wgTUQ{/youtube}

Il video di presentazione con testimonial Giancarlo Giannini

Questa Autostrada sarà la prima smart road italiana, saranno implementati infatti dei dispositivi per connettere l’infrastruttura e i viaggiatori, al fine di dare nuove e maggiori informazioni e consentire una guida automatizzata. Per rendere questa strada ancora più funzionale e intelligente un sito dedicato e un’applicazione che consentiranno di ricevere informazioni su condizioni ambientali e traffico, semplicemente connettendosi tramite il computer di bordo. L’Autostrada del Mediterraneo è già dunque proiettata nel futuro e ha lo scopo di valorizzare e promuovere il patrimonio culturale del Sud Italia; la campagna promozionale ha già avuto inizio e promette di dare una nuova visione non solo dell’infrastruttura in sé ma a tutto il Sud che in questo caso avrà il primato in termini di innovazione, senza dimenticare però la storia di questo territorio.