fbpx
isole parco nazionale arcipelago toscano

Il Parco Nazionale delle isole toscane pubblica un bando rivolto alle scuole per incentivare le uscite didattiche nel territorio locale, tra attenzione a natura e cultura e valorizzazione di momenti di bassa stagione come autunno e primavera


Elba, Giglio, Capraia, Montecristo, Giannutri, Pianosa, Gorgona: sono le 7 isole dell’Arcipelago Toscano, autentici scrigni capaci di attirare turisti italiani e stranieri amanti principalmente del loro straordinario patrimonio naturale, marino ma anche terrestre. E per incrementare i flussi turistici in maniera sostenibile e destagionalizzata, l’ente parco dell’Arcipelago Toscano ha approvato un bando per la concessione di contributi a favore degli istituti scolastici che organizzano gite e uscite didattiche nel territorio del Parco Nazionale all’insegna dell’educazione responsabile e sostenibile.
Come spiega un comunicato diffuso dal Parco, sono stati previsti due fondi specifici: da una parte uno stanziamento di 15.000 euro per sviluppare progetti didattici nelle isole dell’arcipelago per tutti i profili scolastici presenti sulle isole toscane; dall’altra parte ulteriori 40.000 euro per quegli istituti scolastici italiani o esteri, che intendano promuovere uscite didattiche sul territorio del Parco.
Due anche i requisiti fondamentali per accedere al contributo: l’utilizzo di una Guida Parco o Guida Ambientale e l’impostazione del progetto didattico secondo precisi parametri organizzativi definiti dal bando.
Nell’annuncio ufficiale il Parco cita una recente indagine, secondo cui per chi conosce bene la Toscana “emerge un forte desiderio di percorrere piste poco battute, dove scoprire un territorio meno turistico e godersi in pace le bellezze e le bontà dei luoghi d’arte, di cultura, della natura”. Per questo il bando destinato alle scuole che organizzano gite nel territorio dell’arcipelago sottolinea come questi siano temi “che si sviluppano sulle nostre bellissime isole specialmente nelle stagioni di primavera ed autunno, anzi rappresentano l’appeal stesso di questi luoghi, in completa armonia con l’esistenza dell’Area Protetta. Infatti proprio la cultura e la natura espresse dall’ambiente e dalla popolazione delle isole toscane rappresentano quell’unicum che ha giustificato la creazione di un Parco Nazionale, all’apice della misura di conservazione ambientale del Sistema delle Aree Protette italiano”.
Il Consiglio Direttivo del Parco ha per questo approvato una serie di interventi a favore della promozione del territorio e dell’incentivo all’uso dell’educazione ambientale anche come volano di sviluppo turistico sostenibile. Anche nel percorso di certificazione che il Parco dell’Arcipelago Toscano sta compiendo per ottenere la Carta Europea del Turismo Sostenibile, tra i temi che i forum hanno deciso di sviluppare, attraverso le azioni dei privati e degli Enti Pubblici, c’è la qualità della vita e al buon rapporto cittadino-ambiente che si riflette positivamente sull’ospitalità rivolta al turista.
Il bando rivolto alle scuole vuole contribuire a incentivare la conoscenza delle aree protette in quanto patrimoni di biodiversità e laboratori di sostenibilità per promuovere la cultura della tutela nel mondo giovanile attraverso iniziative esperienziali in cui si integrino le conoscenze ambientali e storico-culturali.
Per consultare il bando, che scade il 26 febbraio 2016: http://www.pa33.it/appcontainer/pa33-std-content.php?debugMode=&keyUrl=PNARCIPELAGOTOSCANO#

 

LEGGI ANCHE: Maremma, nasce il Bioparco per il turismo naturale e le economie locali

Appennino Parco d'Europa, "la parola d'ordine è lavorare insieme"

Puglia e Basilicata insieme per il turismo scolastico di qualità

Il turismo come medium per i "prosumers": l'esempio elbano alla Social Media Week

Il turismo dell'orrore non ha aiutato il Giglio