fbpx

A settembre la regione del nordovest è "nel cuore della Cina", con una presenza importante nel China Corporate United Pavilion a Expo 2015. Un'occasione che il Piemonte sfrutta per far conoscere meglio le sue eccellenze turistiche, enogastronomiche e commerciali


Nonostante le recenti difficoltà in Borsa, la Cina resta uno dei mercati di riferimento più importanti per l'Italia, soprattutto per quanto riguarda il turismo, l'enogastronomia e gli altri settori che rappresentano il Made in Italy. Expo, in tal senso, è stata in questi mesi un'occasione sfruttata da diversi territori italiani, dalle Marche alla Sardegna e ad altre regioni, con gemellaggi, educational tour e scambi commerciali.
Per il mese di settembre, a sfruttare l'occasione data dall'Esposizione Universale è il Piemonte di attirare visitatori e investitori dalla Repubblica Popolare è il Piemonte, protagonista del China Corporate United Pavilion, il padiglione delle imprese cinesi ad Expo 2015: grazie a un accordo sottoscritto a gennaio, Regione e Camera di Commercio di Torino sono presenti fino al 19 con una propria area dove viene proposto il meglio del territorio al pubblico, alle delegazioni e alle istituzioni che animano quotidianamente il sito. Dal 20 al 26 a raccogliere il testimone sarà Confcommercio Piemonte.
Le iniziative dello spazio denominato "Il Piemonte nel cuore della Cina", organizzate con il supporto operativo del CEIPiemonte e di Booking Piemonte, sono caratterizzate da una serie di appuntamenti realizzati in collaborazione con le Aziende turistiche locali piemontesi e volti a presentare gli aspetti più vari del territorio: le eccellenze enogastronomiche, le presentazioni del patrimonio Unesco di Langhe-Roero e Monferrato, la cultura con Residenze reali, arte contemporanea e città d'arte, la montagna con le sue proposte turistiche e le tradizioni delle "terre alte", lo shopping e le produzioni artigianali e manifatturiere di alta gamma. E anche lo sport, con un appuntamento caldeggiato dal management del padiglione che è stato dedicato alla storia del calcio regionale e in particolare al Torino e alla Juventus, simboli italiani di uno sport ormai popolarissimo in Cina. Attenzione anche per l'esperienza delle Olimpiadi invernali di Torino 2006, dato che Pechino si è aggiudicata l'edizione 2022.
Se la Cina è così "desiderata" negli spazi espositivi milanesi è anche perché il gigante asiatico è il più grande investitore straniero di Expo 2015, dov'è presente con tre padiglioni: lo spazio istituzionale della Repubblica Popolare Cinese, il padiglione del colosso del real estate Vanke e il China Corporate United Pavilion, che ospita oltre 40 gruppi imprenditoriali interessati a interagire con l'Italia.
I turisti cinesi sono oggi i top spender dello shopping italiano (rappresentano il 25% del mercato nazionale) con una spesa media di 895 euro. In Piemonte, nel 2014, la Cina si è rivelato il mercato emergente con una crescita del 37% e oltre 57.000 notti trascorse. Logico quindi l'interesse piemontese per questo mercato straniero, interessato al tessile biellese e all'arte torinese, al tartufo di Alba, all'enogastronomia astigiana e alessandrina e a tutte le potenzialità attrattive piemontesi verso Pechino.

LEGGI ANCHE: Turismo culturale, in Piemonte 31 buyer da tutto il mondo

"Made in Piemonte", imprese d'eccellenza nel biglietto da visita piemontese a Expo

"lamiatorino si racconta in cinese" il video concorso torinese con gli studenti del Poli

Torino punta agli occhi del mondo, grazie agli studenti universitari


Nella foto, Antonella Parigi, assessore piemontese a Cultura e Turismo, e Zhu Yuhua, presidente esecutivo dell'associazione Cina-Italia e responsabile del padiglione cinese dedicato alle imprese