fbpx

Il sindaco di Torino e presidente dell’Anci sottolinea le ricadute positive che l’Esposizione universale ha portato al sistema Paese, partendo proprio dalla città sabauda. E Pisapia sottolinea il +35% di visitatori arrivati a Milano


Tutta l’Italia dovrebbe ringraziare Milano per il successo di Expo che ha giovato al Paese. A sostenerlo è Piero Fassino, sindaco di Torino e presidente dell’Anci, che in “prima fila” nei ringraziamenti mette proprio la sua città.
“Torino è l’esempio di come un’Esposizione Universale possa avere benefici non soltanto sulla città che la ospita ma anche su un intero territorio. L’Italia credo debba dire grazie a Milano” ha detto Fassino all’evento “Expo dopo Expo”. “Noi a Torino ci abbiamo creduto da subito, quando in Italia non erano in tanti a crederci” ha rivendicato il primo cittadino sabaudo, sottolineando come “per un anno abbiamo messo in campo un programma di eventi collegati al tema di Expo, che si concluderà con il Terzo Forum dello Sviluppo Economico Locale alla presenza del segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon”.
Secondo Fassino, Expo ha contribuito a migliorare l’immagine dell’Italia nel mondo, che “non sempre esce al meglio”. “Come Anci abbiamo creduto fin dall’inizio nell’Esposizione Universale e fin da subito ci siamo chiesti come rendere Expo un evento per tutto il Paese. Nel 2014 abbiamo realizzato un grande tour nel Paese che ha coinvolto 500 Comuni con un duplice obiettivo: socializzare Expo e valorizzare le diversità e le tipicità dei territori, rendendole parte dell’Esposizione Universale. In questi sei mesi, a Cascina Triulza, altri 300 Comuni hanno avuto la possibilità di valorizzare le loro eccellenze e di farle conoscere” ha continuato Fassino da presidente dell’associazione nazionale dei Comuni italiani.
Tornando alla sua Torino, il sindaco ha spiegato che l’Expo ha avuto notevoli ricadute in termini di immagine e anche di flussi turistici: In città si è visto un netto aumento dei turisti. Circa 1,5 milioni sono andati a vedere la Sindone, il Museo Egizio ha registrato 100.000 visitatori al mese, ora è il quarto sito italiano per frequentazione”.
Sull’altra sponda dei ringraziamenti, ovvero quella milanese, ha parlato dopo Fassino il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia: “Il successo di Expo parte da Milano ma si estende a tutta l’Italia e di questo sono particolarmente fiero. In questi mesi la città è diventata più inclusiva e innovativa, ha visto aumentare del 35% il flusso di turisti rispetto allo scorso anno e questo significa posti lavoro e capacità di parlare a mondo. Ora non resta che proseguire in questo percorso vincente e affascinante per tutti, noi siamo pronti”.
“Appena diventato sindaco tante persone mi dicevano di mollare Expo perché prevedevano un disastro. Io ci ho sempre creduto e devo dire che alla lunga ho fatto bene e il motivo è stato anche il tema di Expo che poteva essere, come è stato, il punto riferimento per lotta agli sprechi alimentari e alla fame nel mondo” ha rimarcato Pisapia.

LEGGI ANCHE: La Cina è vicina al Piemonte, anche grazie a Expo

Bici e gastronomia, il gusto estremo di 1001 miglia pedalando fino a Expo

Milano, il turismo cresce grazie a Expo ma non solo

"Made in Piemonte", imprese d'eccellenza nel biglietto da visita piemontese a Expo