fbpx
catacombe di san gennaro napoli

Iniziativa del Comune insieme agli attrattori culturali intorno a Capodimonte per dar vita a un laboratorio di eccellenza sul turismo sostenibile

Napoli possiede un grande patrimonio artistico e culturale, è una città che custodisce numerose eccellenze ed è meta di turisti da ogni parte del mondo. Al fine di incrementare i visitatori, di realizzare azioni unitarie per migliorare la sostenibilità, l’accoglienza e la competitività, sono stati stilati dei nuovi accordi tra le istituzioni e gli attrattori culturali partenopei.

Gli attori coinvolti in questi accordi sono il Comune di Napoli, l’Assessorato alla Cultura e Turismo, la Municipalità III, il Museo e Bosco di Capodimonte, l’Osservatorio Astronomico di Capodimonte, le Catacombe di San Gennaro e il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.

La finalità è costituire un laboratorio per il turismo sostenibile sul territorio della Municipalità III, in particolare sul territorio che va da Via Faria fino a Capodimonte, comprendendo le zone Vergini, Sanità e Capodimonte. La concertazione tra pubblico e privato permetterà di istituire dei tavoli per affrontare questioni essenziali come i trasporti, l’igiene urbana, la sicurezza e la manutenzione ordinaria. Verranno sperimentate nuove soluzioni per favorire e sviluppare pratiche di coinvolgimento degli stakeholders territoriali, coinvolgendo associazioni, comitati, imprese e cittadini in un’ottica di partecipazione.

La priorità negli interventi da realizzare è l’incremento dei visitatori nell’ottica della sostenibilità, nel rispetto dell’ambiente naturale e culturale e l’integrazione della comunità locale, tutto in linea con quanto dichiarato dall’ONU in occasione della proclamazione del 2017 come Anno Internazionale del turismo sostenibile. Verrà inoltre implementata una collaborazione con l’azienda Citysightseeing per ampliare l’offerta dei trasporti. Lo scopo di questi accordi è promuovere il lavoro di squadra, proporlo come modello virtuoso che renderà Napoli una città competitiva, che farà della cultura e del turismo i pilastri per il rilancio del territorio.