fbpx
milano tram bert kaufmann

Nel 2016 più presenze di visitatori rispetto all’anno dell’Esposizione universale, con un vero boom nel mese di dicembre. Offerta ricettiva in crescita grazie alle strutture extralberghiere. La città ora vuole primeggiare come migliore destinazione turistica per il 2017

Dopo aver rilanciato la propria immagine con l’Expo, Milano si gode gli effetti positivi anche nel 2016. L’anno si è chiuso con un importante successo turistico, con più presenze rispetto al 2015. I visitatori del capoluogo lombardo sono stati oltre 5 milioni e 600mila contro i poco meno di 5 milioni e 500 mila del 2015, con una variazione percentuale positiva del 2,07%. Segno che la semina avvenuta con l’Expo ha riportato Milano sul palcoscenico mondiale e la città continua a restare una meta ambita dai turisti. L’effetto Expo si è invece arrestato nell’area vasta, che ha chiuso l’anno con un -8,15% rispetto al 2015, evidentemente l’offerta culturale nel 2016 si è concentrata per lo più nel capoluogo.

Secondo i dati forniti dalla Questura di Milano ed elaborati dal settore Turismo del Comune di Milano, tre mesi hanno avuto una crescita a due cifre: febbraio (+10,3%), novembre (16,85%) e soprattutto dicembre quando 436mila visitatori (+24,61%) hanno deciso di passare in città le festività del periodo natalizio. Sono stati in particolare gli statunitensi a visitare la città (310.347 arrivi), seguiti da tedeschi (256.797), francesi (234.860) e cinesi (234.729). La permanenza a Milano ha superato in media le due notti, ad accezione degli arrivi da Svizzera e Corea del Sud.

Segue il trend nazionale l’offerta ricettiva, che ha registrato un boom di strutture extralberghiere (+89%), passate da 543 a 1.027 con i posti letto saliti a 15.276, mentre hanno segnato un calo del 5,2% nelle strutture alberghiere. Complessivamente però l’offerta di posti letto a Milano è cresciuta del 2,5% per un totale di 69.009.

Ora Milano punta a salire sul gradino più alto del podio europeo come migliore destinazione turistica per il 2017. Il capoluogo lombardo è infatti stato selezionato da una giuria centrale dell’organismo EBD (European Best Destination) per competere con altre 19 città per il prestigioso titolo, sulla base del report annuale di Eurostat sul turismo e le indicazioni di esperti.
La votazione si è aperta online venerdì 20 gennaio. Si potrà votare con un click fino alla mezzanotte del 9 febbraio al link www.vote.ebdest.in. Non è necessaria la registrazione. La correttezza della votazione è garantita dal fatto che sarà conteggiato un solo voto per ogni indirizzo IP.

Non è la prima volta che Milano partecipa: la città è sempre stata invitata a partire dal 2013 – la competizione esiste dal 2009 – e si è sempre posizionata tra i primi dieci. Le più recenti edizioni sono state vinte nel 2013 da Istanbul, nel 2014 da Porto, nel 2015 da Bordeaux e nel 2016 dalla croata Zadar.