fbpx

Si chiama “Itinerarium Augustensis” il percorso di caccia al tesoro organizzato nel centro storico di Aosta per far conoscere alla popolazione, e in particolare ai ragazzi, la storia millenaria dell’antica Augusta Praetoria Salassorum


Una caccia al tesoro “lenta”, gratuita e aperta a tutti per conoscere l’antica storia della città attraverso il gioco. Questo in sintesi il senso e lo scopo di “Itinerarium Augustensis”, che sabato 3 e domenica 4 ottobre animerà il centro storico di Aosta alla riscoperta dell’antica Augusta Praetoria Salassorum, la cittadella fortificata dai Romani circa duemila anni fa.
Un grande gioco tra i monumenti aostani, ideato dall’associazione di volontariato “Aosta Iacta Est” e promosso dall’assessorato a istruzione e cultura della Regione autonoma Valle d’Aosta in collaborazione con il MIBACT nell’ambito dei progetti Expo e Territori. Molti dei luoghi storici della città si trasformeranno quindi nelle tappe di una caccia al tesoro pensata per far scoprire a ragazzi e famiglie il patrimonio archeologico della città.
La caccia al tesoro “lenta”, si legge nel comunicato ufficiale della Regione, è stata ideata per la scoperta dei principali monumenti storici di Aosta; è rivolta a tutta la popolazione, con una particolare attenzione alle famiglie, ai giovani e ai ragazzi in fascia scolare. Il presupposto, infatti, è quello di utilizzare il gioco come mezzo didattico, di incontro sociale e culturale. I partecipanti potranno mettere alla prova le proprie abilità superando prove pratiche e imparando aspetti meno conosciuti della città romana e medievale, il tutto all’interno di una cornice ludica e al contempo scientifica.
Le attività sono disseminate in 8 diversi punti della città, facilmente identificabili grazie alla mappa di gioco, scaricabile da internet o disponibile in tutti gli stand durante l’evento. In ciascun “punto-gioco” sono presenti volontari, guide turistiche o archeologi che danno la possibilità di sperimentare diverse alternative di approccio al patrimonio locale. Le squadre (da 2 a 6 persone) possono partecipare a un qualsiasi numero di prove, per poi ritirare il loro premio o attestato presso il MAR-Museo Archeologico Regionale.
La scelta dei siti dove collocare le prove, siano esse visite guidate, esercitazioni pratiche o giochi organizzati, segue l’idea di valorizzare e riscoprire, in modo alternativo, il patrimonio monumentale e storico della città di Aosta. La proposta è calibrata su diversi tipi di partecipazione, ma un’attenzione particolare è rivolta ai ragazzi in età scolare e alle famiglie: ecco perché si tratta di una caccia al tesoro “lenta”, non competitiva, dove l’obiettivo è anzitutto imparare divertendosi.
Itinerarium Augustensis è promosso e patrocinato dal MiBACT, su progetto della Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali – MAR-Museo Archeologico Regionale, ed è organizzato dall’Associazione di volontariato Aosta Iacta Est in collaborazione con l’Associazione Maieusis.

Per maggiori informazioni: http://www.aostaiactaest.it/aie/itinerarium/

 

LEGGI ANCHE: Valle d'Aosta, X Factor e un reality Rai per una nuova promozione del territorio

La Valle d'Aosta dà lavoro ai giovani archeologi

Turismo sportivo, l’alleanza di 12 Comuni laziali sulla Francigena