fbpx

250.000 euro la dotazione finanziaria iniziale messa a disposizione da Regione Umbria per incentivare gruppi di almeno 5 agenzie di viaggio. L'obiettivo è sostenere flussi in entrata e favorire sostenibilità e destagionalizzazione del turismo


La Regione invita le agenzie di viaggio ad aggregarsi tra loro per sostenere l'incoming e la destagionalizzazione dei flussi verso il territorio locale. È quanto succede in Umbria, dove è stato lanciato il bando della Regione Umbria "per il finanziamento di attività di organizzazione e commercializzazione di proposte e pacchetti turistici".
Il bando ha una dotazione finanziaria iniziale di 250.000 euro e prevede contributi ad aggregazioni costituite da almeno cinque agenzie di viaggio e turismo. L'obiettivo dell'intervento, spiegano dalla Regione, è "promuovere e sostenere l'attività di commercializzazione in incoming verso l'Umbria attraverso l'aggregazione tra le imprese turistiche, al fine di conseguire una maggiore competitività dell'offerta turistico ricettiva dell'Umbria e la costituzione di una offerta turistica integrata e competitiva, con particolare riferimento alla sostenibilità e alla destagionalizzazione dei flussi turistici".
I progetti presentati dovranno prevedere: un programma di incoming turistico verso l'Umbria da regioni italiane e/o da Paesi esteri, con particolare riferimento ai principali mercati individuati nei piani annuali di promozione turistica integrata; attività e azioni di promo-commercializzazione che utilizzino tecnologie di comunicazione emergenti, con particolare attenzione all'on-line; interventi diretti a incrementare la competitività sul mercato delle imprese aggregate; la razionalizzazione dei costi di promo-commercializzazione; la creazione di proposte di viaggio e pacchetti turistici tematici e innovativi e la conseguente realizzazione di strumenti editoriali, fino ad un massimo del 10% della spesa ammissibile; la partecipazione a fiere, borse del settore, ad eccezione di quelle a cui è presente la Regione, l'organizzazione di educational tour, workshop, presentazioni e visite dirette; cronoprogramma finanziario che preveda l'attuazione del progetto in almeno tre fasi di realizzazione.

Le domande di finanziamento potranno essere presentate dal 2 luglio al 20 luglio 2015. Sono ammissibili proposte progettuali che prevedano spese ammissibili non inferiori a 50.000 euro e non superiori a 80.000 euro per ogni aggregazione. Il contributo, in regime "de minimis", per singolo progetto di aggregazione, è fissato nella misura del 70% delle spese ammesse e non potrà, in ogni caso, essere inferiore a 35.000 euro e superiore a 56.000 euro.

Il bando è consultabile al link: http://www.regione.umbria.it/la-regione/bandi?p_p_id=bandi_WAR_bandiportlet&p_p_lifecycle=1&p_p_state=normal&p_p_mode=view&p_p_col_id=column-2&p_p_col_count=1&_bandi_WAR_bandiportlet_codBando=2015-002-4097&_bandi_WAR_bandiportlet_javax.portlet.action=viewDettaglio

 

LEGGI ANCHE: Experience Etruria, 17 Comuni insieme per turismo e storia

Ripensare il ruolo delle Agenzie di Viaggi per lo sviluppo del territorio

Tecnologia, cultura ed eventi per valorizzare il territorio dell'Umbria

Expo, il Molise lancia il bando per i pacchetti turistici integrati