fbpx

A San Basilio, quartiere a nord est della Capitale, torna l'appuntamento con SanBa, tra alfabetizzazione artistica degli studenti e maxi murales per colorare anche di idee la periferia seguendo l'ispirazione di Renzo Piano


L'arte e le periferie, l'arte nelle periferie come strumento di sviluppo dei territori, di promozione culturale e riqualificazione sociale. A Roma, dopo l'esposizione dei capolavori riprodotti a Tor Bella Monaca, Trullo e Ottavia, il nuovo progetto di riqualificazione delle periferie attraverso l'arte riguarda San Basilio, quartiere della periferia Nord Est di Roma. Si chiama "SanBa" il progetto che si ispira alle parole dell'architetto Renzo Piano che da tempo si spende in favore della rivitalizzazione di quelle che chiama "le città del futuro", appunto le periferie urbane.
"La città del futuro è nelle periferie" disse anche a Che Tempo Che Fa nell'ottobre del 2013 il celeberrimo architetto. "C'è bisogno di una gigantesca opera di rammendo e ci vogliono delle idee. Le periferie sono la grande scommessa urbana dei prossimi decenni, i giovani devono salvarle".
SanBa è il progetto artistico nato dall'idea del team creativo di Walls guidato dal curatore Simone Pallotta che si occupa da anni di Arte Pubblica contemporanea; la manifestazione, che andrà avanti fino al 28 febbraio, è realizzata con il sostegno di Roma Capitale, e in particolare dell'assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica e Turismo, del Dipartimento Cultura e del Servizio Spettacoli ed Eventi e con la collaborazione di Zetèma, Centro Culturale Aldo Fabrizi e Ater.
Dopo il grande successo dello scorso anno, quest'anno la seconda edizione torna a San Basilio durante il mese di gennaio, fino al 28 febbraio per consolidare il rapporto con i cittadini e il cambiamento culturale in atto. L'obiettivo è di rendere San Basilio un centro di produzione di arte e cultura partecipate attraverso laboratori rivolti agli studenti del quartiere, spettacoli di intrattenimento e opere d'arte permanenti che restituiscono agli abitanti porzioni di territorio in disuso come spazi dalla forte identità artistica.
La prima fase del progetto, durante il mese di gennaio, punta all'interazione con il territorio attraverso il coinvolgimento dei ragazzi dell'Istituto Comprensivo Statale "Mahatma Gandhi" nel laboratorio Draw Your SanBa, una proposta di partecipazione interattiva alla trasformazione del quartiere. L'Associazione Culturale WorkIn Project, realtà attiva nell'educare i bambini all'arte contemporanea, terrà un laboratorio di alfabetizzazione artistica durante il quale i giovani abitanti potranno immaginare di intervenire in prima persona sul loro territorio attraverso la realizzazione di opere di street art. Tutte le opere saranno proiettate su una facciata dell'area verde tra via Corinaldo, via Loreto, via Arcevia e via Treia domenica 8 febbraio.
La seconda fase prevede una vera e propria performance di Arte Pubblica affidata da Walls e dai cittadini al muralista di fama internazionale Hitnes. L'artista avrà il compito di realizzare sulle 6 facciate selezionate un'imponente opera di arte pubblica che diventerà parte dell'estetica della piazza. L'imponente opera d'arte sarà presentata al pubblico la sera del 28 febbraio durante una grande festa, dove arte e spettacolo faranno incontrare i diversi agenti presenti sul territorio: i cittadini, grandi e piccoli, si ritroveranno nel quartiere spinti da nuovi stimoli; le associazioni culturali già presenti allargheranno il loro bacino di utenza consolidando il network che gli permette di studiare un'offerta culturale appropriata; e le Istituzioni troveranno un ponte per comprendere le potenzialità e mancanze dei quartieri la cui voce.

 

LEGGI ANCHE: "Musei in strada", Roma porta l'arte in periferia

Renzo Piano a “Che tempo che fa”: “La città del futuro è nelle periferie”

"Spazio pubblico e democrazia", il concorso sulle piazze italiane dedicato agli studenti

 

Fonte foto: pagina Facebook SanBa