fbpx

15 capolavori dei musei civici capitolini riprodotti in scala 1:1 e collocati nelle piazze di Tor Bella Monaca, Trullo e Ottavia, con biglietti gratis per residenti che si recano al museo per gli originali con un selfie


Roma porta l'arte e la cultura nelle periferie della città con "Musei in strada", il progetto che l'assessorato capitolino alla Cultura ha pensato per i municipi Trullo, Ottavia e Tor Bella Monaca: 15 capolavori dei musei civici sbarcano in periferia trasformando le piazze in luoghi di cultura.
L'iniziativa rientra nel progetto "Roma. Grande Formato", promosso dallo stesso assessorato alla Cultura e dalla Soprintendenza e realizzato con l'azienda che si occupa di fruibilità museale Antenna International, in collaborazione con gli assessorati alla cultura dei municipi VI, XI e XIV e Zètema Progetto Cultura.

Come spiega una nota del Comune, le opere da ieri piazzate nelle periferie sono quindici immagini fotografiche su tela in scala 1:1, 5 per ogni municipio, che riproducono opere provenienti da Palazzo Braschi, Galleria d'Arte Moderna e Macro, scelte nella produzione di grandi artisti come Carla Accardi, Pablo Echaurren, Titina Maselli, Paolo Anesi, Gavin Hamilton, Giacomo Balla per citarne alcuni.
Le foto, in mostra fino al 15 giugno, sono raccontate oltre che dalle didascalie anche attraverso la app "Musei in Strada" (disponibile sia su Google Play sia su iTunes) che contiene informazioni sugli artisti, le opere e i musei che le ospitano. Il racconto delle opere è fatto da 12 "testimonial" legati al quartiere. Madrina dell'iniziativa l'attrice Simona Marchini che ha raccontato e commentato un'opera per ogni quartiere. La app fornisce inoltre notizie su altre iniziative e attività culturali cittadine.

"Musei in strada" ha dichiarato l'assessore alla Cultura Giovanna Marinelli "mira a ridurre la distanza fisica e metaforica che separa i musei del centro dai quartieri periferici, con l'obiettivo di far 'scoprire' o 'riscoprire' il patrimonio artistico museale di Roma. Per far sì infatti che il pubblico, incuriosito dalle riproduzioni in mostra, sia invogliato a visitare i Musei che custodiscono gli originali, sarà offerto un biglietto gratuito ai cittadini residenti che si presenteranno alla biglietteria con un selfie scattato con una delle riproduzioni esposte in strada".
I Municipi, con la collaborazione scientifica della Sovrintendenza Capitolina, hanno organizzato delle attività collaterali tra cui visite guidate e laboratori per le scuole del quartiere e "lezioni" condotte da esperti nelle scuole del quartiere.

 

Le opere esposte, riporta il Comune, sono:
Tor Bella Monaca – Opere dal Museo di Roma Palazzo Braschi
Filippo Gagliardi (1606/1608-1659) Carosello a Palazzo Barberini in onore di Cristina di Svezia, nel Carnevale del 1656, 1656-1659
Gavin Hamilton (1723-1798) Venere offre Elena a Paride 1784-85
Pompeo Girolamo Batoni (1708- 1787) Ritratto allegorico di Gerolama Santacroce Conti come Vanitas, 1760
Ippolito Caffi (1806- 1866) Festa degli artisti a Tor De' Schiavi, 1884
Paolo Anesi (1697 – 1773) Il Tevere a Ripa Grande,

 

Trullo – Opere dal MACRO
Gastone Novelli (1925-1968) Corrispondenze terrestri,1962
Titina Maselli (1924-2005) Ciclista,1995
Cristiano Pintaldi (1970) Senza titolo, 2000
Carla Accardi (1924- 2014) Giallobianconero,1990
Pablo Echaurren Chrono Sapiens,

 

Ottavia – Opere dalla Galleria di Arte Moderna
Amedeo Bocchi (1883-1976) Nel parco, 1919
Benedetta Cappa Marinetti (1897-1977) Velocità di motoscafo, 1924-1926
Giacomo Balla (1871-1958) Il dubbio, 1907-1908
Carlo Carrà (1881-1966) Partita di calcio, 1934
Francesco Trombadori (1886-1961) Mattino a Ponte Sisto

 

LEGGI ANCHE: La Camera di Commercio: Roma deve puntare tutto su un nuovo turismo

Roma ha bisogno di un turismo unitario

Giornate europee del Patrimonio, a Roma musei con ingresso a 1 euro

Roma, Comune Regione ed enti insieme per valorizzare il Tevere