fbpx

Expo, Via Francigena e grandi eventi culturali: sono queste le tre leve su cui agirà la Toscana per la sua offerta turistica 2015


Nel corso di un incontro con gli operatori pubblici e privati del settori avvenuto in Regione, informa l'agenzia inToscana, è stata siglata l'intesa tra Regione e Sharing Tuscany, l'associazione temporanea d'impresa con capofila Convention Bureau di Firenze, che avrà il compito della commercializzazione di itinerari e offerta turistica in occasione di Expo.
A Toscana Promozione andrà il compito di gestire un sistema di prodotti turistici innovativi, a partire da Luxury Wine Resort per il cosiddetto turismo slow, da promuovere sia in rapporto ai segnali di rilancio del mercato nazionale che alla centralità dei mercati internazionali più strategici: BRIC, Est Europa, Germania e Nord Europa, USA, Canada, Corea del Sud e Turchia. Per questa azione è previsto un investimento complessivo di 2.700.000 euro.

"Un percorso avviato da tempo per condividere le linee utili ad una revisione del sistema della promozione turistica. Nell'ottobre scorso abbiamo presentato anche il nuovo modello di governo della promozione turistica; puntiamo a creare in particolare un più forte raccordo tra le destinazioni turistiche di eccellenza della Toscana e il livello regionale rappresentato dai sistemi di imprese turistiche, Regione, ANCI, Toscana Promozione e Fondazione Sistema Toscana" ha commentato l'assessore regionale al turismo Sara Nocentini.

Il sistema dell'organizzazione pubblica del turismo in questi ultimi anni si è profondamente trasformato. Ridimensionato il ruolo delle Province, la Regione si interfaccia sempre di più con le destinazioni turistiche, in particolare con i Comuni che, tra l'altro, grazie all'imposta di soggiorno, vengono a disporre di ingenti risorse che possono essere progressivamente destinabili ad attività di comunicazione e promozione della rispettiva offerta turistica. Sarà la creazione di un vero e proprio sistema delle eccellenze turistiche della Toscana a rappresentare il cuore di questa governance: una sorta di comunità dei prodotti turistici, interattiva e pronta a interpretare le dinamiche di una domanda turistica internazionale sempre più esigente e mutevole.

LEGGI ANCHE: La Toscana tra cibo, turismo e Rete

La Toscana si accorda con la Cina per Expo, agroalimentare e artigianato

Toscana, grazie a turismo ed export la ripresa arriva nel 2015

Liguria, Regione nel comitato europeo della Via Francigena per il turismo storico culturale

 

Fonte foto: loscarpone.cai.it