fbpx

Accordo tra Regione Toscana e associazione Italia-Cina per promuovere le eccellenze agroalimentari, artigianali e turismo. Eventi e spazi per la Toscana nel padiglione cinese di Expo 2015


La Toscana guarda alla Cina in vista di Expo 2015 e firma l'accordo con l'associazione di Shangai Cina-Italia. Regione Toscana e associazione Cina-Italia, che ha sede a Shangai, hanno sottoscritto ieri il protocollo d'intesa con l'assessore regionale all'agricoltura e foreste, Gianni Salvadori, e il presidente esecutivo di Cina-Italia, Zhu Yuhua.
"Con il presente protocollo la Regione Toscana e l'associazione Cina-Italia di Shangai intendono condividere l'importanza di porre in essere tutte le azioni volte a facilitare, in occasione dell'Expo 2015, gli scambi colturali e/o commerciali tra gli operatori toscani e gli operatori cinesi" recita il documento ufficiale.
Tra le iniziative previste dall'accordo c'è l'organizzazione, nell'ambito di quanto la Regione e Cina- Italia metteranno in piedi per l'Esposizione Universale di Milano, di eventi ai quali far partecipare aziende che rappresentano le eccellenze toscane del settore agroalimentare e dell'artigianato artistico, con l'obiettivo di favorire gli scambi commerciali tra le aziende toscane e quelle cinesi.
Altra iniziativa, spiega una nota ufficiale della Regione, sarà quella di creare itinerari turistici, percorsi e tour, ideati e organizzati con particolare attenzione alle esigenze del turismo cinese, progetto in cui sarà determinante l'esperienza dell'associazione Cina-Italia. L'associazione di Shangai si impegna inoltre, in occasione dell'Expo 2015, a riservare nel Padiglione CCUP, che ospiterà le aziende cinesi a Milano, spazi per le aziende toscane che vorranno organizzare eventi culturali e/o commerciali, e a inserire sul materiale promozionale relativo all'Expo 2015 e in particolare sul "Passaporto expo 2015", che sarà realizzato per i turisti cinesi come vademecum, una serie di indicazioni utili per valorizzare la Toscana e le sue attrattive.
La Cina infatti sarà presente a Milano, oltre che con il padiglione istituzionale, anche con un padiglione di aziende di Shangai, denominato China Corporated United Pavillion Expo Milano 2015 (Padiglione CCUP). Questa è la prima esperienza che vede importanti imprese cinesi unirsi per partecipare all'Esposizione Universale con un proprio padiglione. Il tema unificante sarà "China seeds": le imprese partecipanti intendono, basandosi sui valori della conservazione delle risorse naturali e della sicurezza alimentare, valorizzare lo spirito imprenditoriale cinese caratterizzato da ereditarietà, perseveranza e innovazione.
Nel padiglione le esperienze saranno presentate sotto titoli significativi: Origine della vita, Potere della crescita, Sogno dei semi, Luce della vita, Ciclo della vita, Arte culinaria e, secondo i promotori, serviranno a mostrare il percorso di crescita e il ruolo del mondo imprenditoriale in relazione al rapido sviluppo che ha avuto la Cina.
"Ringrazio l'associazione Cina-Italia perché potremo usufruire del padiglione cinese a Milano senza aggravio di costi per le imprese toscane. Dal canto nostro siamo impegnati a realizzare cose belle, per noi questa è una grande occasione, un trampolino per nuove opportunità, non solo in relazione ai nostri prodotti e al turismo, ma anche sul versante culturale" ha commentato l'assessore all'agricoltura e foreste, Gianni Salvadori, come riporta un'altra nota ufficiale.
"La Toscana è la terra del Rinascimento che è stata una vera, grande, rivoluzione umana. Ora noi abbiamo l'occasione di un confronto, anche su questo, con il popolo cinese, con le sue tradizioni. È su queste cose, prima ancora che sui rapporti economici, che si costruiscono i rapporti fra i popoli" ha aggiunto Salvadori.

"La Toscana è per noi una terra molto interessante per la sua storia, la sua arte i suoi prodotti. È una terra che ha dato un grande contributo all'umanità e per questo noi l'apprezziamo molto. In vista di Expo vogliamo costruire una piattaforma di scambi efficaci con le aziende italiane e toscane in particolare e ringraziamo le istituzioni della Toscana che vediamo molto attive" ha detto Zu Yuhua, secondo il quale potranno essere dai 300.000 ai 500.000 i turisti cinesi che potranno venire in Toscana in occasione di Expo.

LEGGI ANCHE: Toscana, grazie a turismo ed export la ripresa arriva nel 2015