fbpx

La Regione Liguria nel comitato europeo di coordinamento della storica via dei pellegrini che collega Roma e l'Inghilterra. Collegamento con il Sentiero Liguria che porta a Santiago di Compostela


La Liguria entra a far parte del Comitato europeo di coordinamento interregionale della Via Francigena, per un progetto di cooperazione tra i vari Paesi europei che ha come scopo lo sviluppo territoriale e la valorizzazione turistica e culturale dei territori attraversati dallo storico itinerario culturale dell'Unione Europea.
Il provvedimento è stato approvato nei giorni scorsi dalla giunta regionale, come spiega una nota ufficiale della Regione, su proposta dell'assessore al Turismo Angelo Berlangieri, in concomitanza con un incontro europeo sulla via Francigena svoltosi il 12 e 13 dicembre a Reims, in Francia, a conclusione dell'annata dedicata alle celebrazioni del ventesimo anniversario dell'attribuzione della menzione ad Itinerario Culturale del Consiglio d'Europa (1994).
La Via Francigena ha un tracciato originario lungo circa 1800 km che si snoda dalla contea inglese di Kent a Roma (è infatti anche nota come Via Romea), passando dalla Francia e dal confine svizzero, sulle orme di Giulio Cesare e Napoleone.
Una strada di avvicinamento alla Terra Santa intrapresa da abati, monaci, mercanti, eserciti e migliaia di pellegrini e percorsa, per la prima volta, nel 990, dall'Arcivescovo di Canterbury per recarsi in visita a Papa Giovanni IX a Roma.
La Liguria è toccata dal tracciato della Via Francigena nell'estremo Levante del territorio regionale, con un tratto che si estende da Aulla (in provincia di Massa Carrara, in Toscana) fino a Sarzana (provincia di La Spezia), Santo Stefano Magra e Ortonovo-Luni, quest'ultima importante area archeologica romana e antico porto da cui partivano le navi cariche di marmo, vini, formaggi e legnami dirette a Roma.
Promuovere la via Francigena, spiegano dalla Regione Liguria, significa offrire agli ospiti, italiani e stranieri, la possibilità di impadronirsi della cultura del territorio, dei suoi prodotti tipici e delle eccellenze dei borghi attraversati, "in primis quelli liguri della provincia Spezzina" come ha dichiarato l'assessore Berlangieri.
Per la Regione Liguria, l'adesione al comitato europeo è strettamente legata al Sentiero Liguria: a partire dal 2015, la Liguria sarà interamente collegata da un unico sentiero costiero lungo circa 650 km, da Luni a Ventimiglia. Sentiero Liguria è un percorso escursionistico di facile percorrenza, l'unione di tutti i percorsi pedonali costieri esistenti sul territorio, che costituisce l'ideale collegamento tra gli itinerari europei escursionistici e religiosi, con la Via Francigena verso Est, e con il Cammino di Santiago di Compostela e la Grande Randonnée in direzione Francia.


LEGGI ANCHE: Montagna e spiritualità, alleanza tra Torino e Arles per la Via Alta

2015 in Liguria, l'anno della bicicletta

Turismo religioso, 5 miliardi di euro nel 2014 per l'Italia

La Strada degli scrittori dalla Sicilia a Expo