fbpx

Quattro tappe del Giro d'Italia, anticipazioni al Festival di Sanremo, promozione territoriale: per l'anno prossimo la Liguria del turismo scatta sui pedali e punta sul ciclismo. Per la Corsa Rosa investimento di 2 milioni, ritorno atteso di 20


Sarà un anno in salita per il turismo in Liguria, ma anche in discesa e in pianura: in generale, il 2015 sarà un anno sui pedali per la Regione marittima del Nord Ovest, considerata l'importanza strategica della bicicletta nelle prossime strategie di attrattività turistica.
La Liguria ha infatti deciso di "tingersi di rosa" per il Giro d'Italia 2015. La cora rosa, appunto, partirà dalla pista ciclabile Area 24, da Sanremo a San Lorenzo al Mare (Imperia), per toccare poi Albenga, Genova, Rapallo, Chiavari, Sestri Levante, le Cinque Terre, La Spezia. Quattro le tappe in territorio ligure: dopo la cronometro di apertura sulla pista ciclabile del Ponente Ligure, Sanremo-San Lorenzo al Mare (9 maggio), ci sarà l'Albenga-Genova (10 maggio), la tappa Rapallo-Sestri Levante, lungo un percorso che tocca Valtrebbia e Val Fontanabuona (11 maggio) e infine la Chiavari-La Spezia (12 maggio).
"Se si pensa che la stima sull'impatto economico complessivo del Giro d'Italia, secondo uno studio della Bocconi presentato in mattinata a Milano è di 110 milioni, in Liguria, a fronte di un investimento di 2 milioni la ricaduta sui nostri territori è di una ventina di milioni di euro" ha commentato l'assessore regionale allo Sport, Matteo Rossi, presente con i sindaci, l'assessore regionale al turismo Berlangieri e il governatore Burlando alla presentazione del Giro a Milano.
"Proprio perché il nostro territorio non è piatto e pianeggiante e invita a fare sport all'aria aperta, per il 2015, in Liguria, sarà l'anno della bicicletta dedicato a chi ama pedalare lungo gli oltre 70 chilometri di piste ciclabili esistenti da Ponente a Levante, sull'alta Via dei Monti Liguri e nei sentieri" ha aggiunto Rossi, ribadendo che l'assessorato regionale allo sport "sostiene in modo particolare gli eventi che godono di un forte appeal turistico, soprattutto straniero, rilanciando il territorio come una palestra cielo aperto. A tutto vantaggio della destagionalizzazione delle vacanze e dell'economia locale, considerato che sono le stesse associazioni di bikers a fare la manutenzione dei sentieri, del verde e dell'ambiente circostante".
Già tante le iniziative messe in cartello per il passaggio del Giro, oltre a una grande Notte Rosa per salutare i "girini" alla vigilia del loro arrivo in ogni centro sede di tappa: un palio remiero tutto rosa alla Spezia, la festa dello sciroppo di rose nel Parco dell'Antola, i canestrelli di Torriglia colorati di rosa, il Pink Carpet di Rapallo, una corsa cicloturistica con le vecchie glorie del ciclismo italiano a Chiavari. E poi Sanremo, che accogliendo l'invito dell'assessore al Turismo Angelo Berlangieri punterà sul Festival di Sanremo 2015 per promuovere la partenza del Giro. "Abbiamo già avviato un confronto con Rai e con Carlo Conti per dedicare alla Corsa Rosa una serata del prossimo Festival a febbraio" ha spiegato il sindaco della città dei fiori, Alberto Biancheri.

 

LEGGI ANCHE: Cicloturismo, l'Italia prova a muoversi

Cicloturismo, il Veneto ci crede davvero

Il Giro d’Italia e la corsa all’oro dei territori ospitanti

Fiuggi e la Ciociaria per conoscere i ciclisti del Giro

 

Fonte foto: Il Secolo XIX