fbpx

La Regione proroga la scadenza del bando che mette a disposizione 7 milioni per alberghi, stabilimenti balneari e locali che attuano progetti di risparmio energetico e fonti rinnovabili

L'Emilia Romagna riapre i termini del bando per la riqualificazione energetica di imprese turistiche e commerciali: il nuovo termine per la presentazione delle domande è stato posticipato al 10 ottobre 2014. Si tratta di un'iniziativa di riqualificazione energetica delle imprese turistiche e commerciali, compresi gli stabilimenti balneari dell'Emilia-Romagna. La Regione mette a disposizione 7 milioni di euro dal programma Fesr per sostenere progetti innovativi nel campo delle tecnologie energetico-ambientali dedicati al risparmio energetico e all'utilizzo delle fonti rinnovabili. Tra le imprese interessate alberghi, stabilimenti balneari, ristoranti, locali e discoteche.
Il bando, spiega un comunicato regionale, ha come obiettivo la qualificazione ambientale ed energetica del sistema produttivo emiliano romagnolo e, in particolare, dei settori del commercio e del turismo. Le risorse servono infatti a cofinanziare interventi nelle piccole e medie imprese, anche in forma associata, finalizzati a promuovere il risparmio energetico, l'uso efficiente dell'energia e la valorizzazione delle fonti rinnovabili.
"Si tratta di un bando importante che nasce dall'attenzione che la Regione, da sempre, ha profuso nei confronti del turismo e del commercio. Con questo bando si unisce l'esigenza di riqualificazione del comparto agli obiettivi di riduzione dei consumi energetici e di incremento delle fonti rinnovabili" ha affermato l'assessore al Turismo e Commercio Maurizio Melucci.
Per quanto riguarda il turismo, il bando si rivolge alle strutture ricettive alberghiere o all'aria aperta, case per ferie, ostelli, rifugi alpini, affittacamere, case appartamento vacanza, stabilimenti balneari e termali. Per la parte relativa al commercio, invece, la misura è dedicata a imprese di commercio all'ingrosso o al dettaglio, di somministrazione al pubblico di bevande e alimenti, discoteche e sale da ballo.
Per essere ammessi, i progetti dovranno comportare una spesa non inferiore a 20.000 euro, mentre il contributo massimo concedibile è di 150.000 euro. Al termine della procedura (valutativa a sportello) sarà determinata la graduatoria e la percentuale di cofinanziamento, variabile tra il 30 e il 40% a seconda degli obiettivi di risparmio energetico dei singoli interventi.

 

Bando completo al link http://fesr.regione.emilia-romagna.it/finanziamenti/bandi/riqualificazione-imprese-turistiche-commerciali

 

LEGGI ANCHE: "Giovani per il territorio" in Emilia Romagna il bando per progetti innovativi

Emilia Romagna, 7 milioni di euro alle imprese turistiche e commerciali