fbpx

In Spagna i lavoratori autonomi nel turismo trascinano la ripresa occupazione del settore. In Cina sempre più hotel si attrezzano per far sentire i viaggiatori occidentali come a casa. In Australia suscita polemiche l'atteggiamento anti-ambientalista del governo di Abbott

 

el pais

Il turismo in Spagna è in piena forma, anche a livello occupazionale. Nonostante i dati pubblicati dal ministero dell'Industria iberico nelle scorse settimane siano stati rivisti al ribasso dall'Agenzia Exceltur (come segnala El Mundo), il 2013 è stato un anno d'oro per il settore turistico. E un contributo importante, sotto il profilo occupazionale, lo hanno dato i lavoratori autonomi. Secondo l'Instituto de Estudios Turísticos, scrive El Pais, l'anno scorso sono stati registrati 1,93 milioni di lavoratori indipendenti nel settore ricettivo, con un aumento di 460.345 unità (+0,3%) che ha portato a un incremento sul totale degli occupati nel comparto turistico pari allo 0,1%.

El empleo crece en el sector turístico gracias a los autónomos

http://economia.elpais.com/economia/2014/02/02/actualidad/1391370841_579859.html

 

new york times

 

I viaggiatori cinesi sono i più ricercati del mondo, dal momento che sono i top spender globali del settore turistico. Ma il turismo in Cina ha ancora ampi margini di miglioramento, come sottolineato anche dall'ultimo rapporto di Euromonitor International. Ecco quindi che gli operatori cinesi si stanno attrezzando per offrire ai viaggiatori stranieri la possibilità di soggiornare in strutture alberghiere in linea con gli standard occidentali. Sul New York Times, quindi, ecco pubblicato un elenco di strutture "familiari" ai turisti americani che vogliono visitare la Cina, non solo a Pechino.

Familiar Hotel Brands Expand in China

http://www.nytimes.com/2014/02/09/travel/familiar-hotel-brands-expand-in-china.html?hpw&rref=travel

 

independent

"Is Tony Abbott's Australian administration the most hostile to his nation's environment in history?" ovvero "il governo australiano di Tony Abbott è il più ostile alla tutela ambientale del proprio Paese di tutta la storia?". Se lo chiede l'Independent, e se lo chiedono gli australiani. Residui di dragaggio scaricati sulla Grande Barriera Corallina, stragi di squali, foreste che rischiano di scomparire. La tutela dell'immenso patrimonio naturale dell'Australia è a rischio, e gli australiani temono di diventare lo "zimbello" (laughing-stock) del mondo per queste scelte politiche poco rispettose della natura.

Is Tony Abbott's Australian administration the most hostile to his nation's environment in history?

http://www.independent.co.uk/news/world/australasia/is-tony-abbotts-australian-administration-the-most-hostile-to-his-nations-environment-in-history-9107534.html