fbpx

La bilancia dei pagamenti turistica fornisce annualmente dati interessanti circa le presenze e le spese dei turisti stranieri in Italia e analogamente degli italiani che si recano in vacanza all’estero

Cresce nel 2016 il turismo straniero Italia. Lo affermano i dati di Bankitalia, secondo la quale la bilancia dei pagamenti nel periodo gennaio-luglio ha registrato un avanzo di 8.560 milioni di euro, a fronte di uno di 8.235 milioni negli stessi mesi dell'anno precedente. Le spese dei viaggiatori stranieri in Italia (21.099 milioni) sono aumentate del 2,5 per cento, quelle dei viaggiatori italiani all'estero (12.539 milioni) dell’1,5.
Per quanto riguarda i soli viaggiatori stranieri provenienti dall’UE la spesa è aumentata del 2,8 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a fronte di una crescita meno sostenuta della spesa degli stranieri provenienti dai Paesi esterni all’Unione (2,0 per cento). Nello stesso periodo la spesa dei viaggiatori italiani che si sono recati nei paesi UE è aumentata del 2,9 per cento, mentre è rimasta quasi invariata per coloro che si sono recati nei paesi extra-UE (+0,2 per cento).
A conferma che il settore turistico fornisce un sostanzioso contributo alla bilancia dei pagamenti il mese di luglio 2016 ha presentato un surplus di 2.521 milioni di euro, a fronte di uno di 2.488 milioni nello stesso mese dell'anno precedente. Le spese dei viaggiatori stranieri in Italia (5.006 milioni) sono aumentate dello 0,6 per cento, quelle dei viaggiatori italiani all'estero (2.485 milioni) sono rimaste pressochè stabili (-0,1 per cento).
Dal 1996 la Banca d’Italia realizza un’indagine campionaria sul turismo internazionale basata su interviste e conteggi di viaggiatori residenti e non residenti in transito alle frontiere italiane (valichi stradali e ferroviari, porti e aeroporti internazionali). L’indagine è condotta con l'obiettivo primario della compilazione delle voci "Viaggi" (che include i beni e i servizi acquistati da persone fisiche in paesi di cui non sono residenti, nel corso di soggiorni di durata inferiore a un anno) e “Trasporti internazionali di passeggeri” della bilancia dei pagamenti dell'Italia.