fbpx

Il primo bando riservato alla ricettività dell’entroterra ha nuova scadenza 31 marzo

Avranno tempo fino al 31 marzo i gestori di strutture ricettive che intendono partecipare al bando dell’Agenzia di Sviluppo GAL Genovese denominato “Le strutture ricettive, supporto alle esistenti e creazione di nuove realtà”. La scadenza era prevista inizialmente per il 21 febbraio. La scelta è stata dettata dalle numerose richieste di proroga da parte di privati cittadini e consulenti per consentire il completamento delle pratiche di presentazione delle domande.

ll bando, che si è aperto lo scorso 8 dicembre, ha una dotazione finanziaria di 400.000,00 € ed è rivolto a B&B, affittacamere, CAV, rifugi alpini ed escursionistici nonché a consorzi di strutture ricettive extralberghiere, già esistenti o di nuova apertura che ricadano all’interno dell’area che comprende le Valli Stura, Orba e Leira, l’Alta Val Polcevera, l’Alta Val Bisagno, le Valli del Recco e Val Fontanabuona inclusi Cogorno e Carasco, ovvero quella di competenza della GAL Genovese. In tutto si tratta di 27 Comuni.

Le spese ammissibili sono opere edili, impianti, acquisto di arredi e attrezzature; attrezzature cartellonistica, hardware e software; spese tecniche e di assistenza anche sostenute prima della presentazione della domanda di sostegno purché non antecedenti a 12 mesi prima della domanda stessa. Il sostegno previsto è pari al 50% della spesa ammissibile.

Per il GAL Genovese si tratta del primo bando in assoluto riservato alla ricettività dell’entroterra.