fbpx

In Puglia, sei Comuni si sono uniti per avviare un programma di sviluppo e valorizzazione dell’area

Il mercato turistico è in continua evoluzione e per essere competitivi è necessario fare squadra. La Valle d’Itria ha firmato un protocollo che consente ai Comuni che ne fanno parte, una promozione turistica coordinata e condivisa, proprio per eliminare il concetto di campanilismo e per affrontare insieme le sfide che il mercato attuale pone. Alberobello, Ceglie Messapica, Cisternino, Locorotondo, Martina Franca e Ostuni hanno il desiderio di avviare un programma per sviluppare il tessuto produttivo locale, al fine di far nascere il brand “Valle d’Itria”.

Questo brand avrà il fine ultimo di creare coesione tra i territori e di rappresentare al meglio tutto ciò che questo angolo di Puglia ha da offrire. Le azioni che saranno messe in campo daranno una visione omogenea della Valle d’Itria, donando ai cittadini la possibilità di essere parte attiva dell’ambizioso progetto. I residenti infatti verranno coinvolti nelle iniziative relative alla promozione del territorio.

La parola chiave in questi mesi in cui è stato elaborato il progetto è stata unione, infatti per poter ottenere i risultati attesi, sarà necessario collaborare per la creazione di un brand che descriva e renda riconoscibile il territorio, inglobando tutti gli aspetti rappresentativi dei Comuni che ne fanno parte. Come obiettivi immediati di questo accordo c’è la creazione di un cartellone di eventi estivi, coordinato in modo da non creare sovrapposizioni, in più sarà creato un sito internet con tutte le informazioni riguardanti i sei Comuni. La logica è agire sul territorio a livello culturale, per un sano sviluppo dell’area, collaborando per un fine comune, cioè la crescita economica e turistica: ciò è possibile soltanto restando uniti e creando attrattive in grado di valorizzare al meglio l’intera Valle d’Itria.

debora calomino 180x226

Debora Calomino

Twitter @CalominoDebora