fbpx
Cammini religiosi dell'Emilia Romagna

34 pacchetti turistici, 14 cammini, un programma radio e i prodotti tipici del territorio: così l'Emilia Romagna punta sugli antichi itinerari dei pellegrini per un turismo slow

Il turismo religioso è stata una delle prime forme di viaggio, le persone mosse dal desiderio di conoscere luoghi mistici ed intrisi di fede s’incamminavano e percorrevano chilometri, pervasi dalla devozione. Gli antichi tracciati dedicati ai pellegrinaggi oggi rivivono in tutta Europa, con cammini percorsi da migliaia di pellegrini.

In Emilia Romagna ci sono ben 14 cammini che si snodano per 2000 chilometri e toccano oltre 100 Comuni. A tal proposito la Regione Emilia Romagna sta portando avanti una campagna di promozione e valorizzazione di questi percorsi, con la realizzazione di una brochure che racchiude tutti gli eventi che si svolgeranno nel 2017 lungo le vie della fede ed una mappa nella quale sono stati raccolti tutti i cammini religiosi del territorio.

La creazione di un circuito regionale dedicato alle vie dei pellegrini ha permesso il coinvolgimento di ben 24 operatori turistici che offriranno soggiorni a tema. Sono stati realizzati 34 pacchetti turistici, alcuni prevedono delle escursioni giornaliere, mentre altri durano fino a 7 giorni, con percorsi esperienziali che portano alla scoperta dei borghi storici, dei luoghi di culto e della gastronomia del territorio. Tra le iniziative proposte anche la Bisaccia del Pellegrino, un gadget speciale realizzato in collaborazione con l’Assessorato Regionale all’Agricoltura, il quale non è altro che un pacchetto con prodotti tipici dei territori che si trovano lungo il cammino di fede.

Le strade della fede saranno le protagoniste anche di un programma radiofonico su Radio Francigena, che da luglio a ottobre racconterà le opportunità turistiche di questi territori, in speciali puntate da 20 minuti. Il turismo religioso diventa dunque un punto di partenza per promuovere il territorio nella sua totalità, percorrendo gli antichi tracciati dei pellegrinaggi sarà possibile conoscere gli itinerari naturalistici, del gusto, del benessere, storici e culturali grazie alle sinergie create dagli attori locali.