fbpx

Una boccata d’ossigeno per gli 82 comuni montani in difficoltà. Si divideranno oltre 5 milioni di euro 

Sono 82 i Comuni montani del Piemonte che beneficeranno di più della metà dei 10 milioni di euro attribuiti in attuazione del “Patto di solidarietà verticale” dalla Regione Piemonte. Lo ha deciso la Giunta regionale nel corso dell’ultima riunione. Si tratta di aiutare i Comuni che hanno difficoltà con il pareggio di bilancio, che possono sforare ma esclusivamente per investimenti. La Regione può così cedere delle quote, garantendo comunque il raggiungimento dell’obiettivo generale a livello regionale.
Dopo un’istruttoria e la pubblicazione di un format da compilare a cura dei Comuni fino a 1000 abitanti aspiranti al contributo, sono pervenute richieste da parte di 175 amministrazioni. A quelli montani andrà un totale di 5 milioni 234 mila euro. Le richieste riguardano tutte interventi complessi legati al ripristino di danni causati dal dissesto idrogeologico o all’erogazione del servizio scolastico, previsti nel Documento unico di programmazione 2016-2018, la cui esigibilità maturerà entro il 31 dicembre 2016.
Soddisfatto l’assessore allo Sviluppo della montagna della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia, per il quale la Regione ha ritenuto opportuno fornire un sostegno finanziario mirato in particolare alle realtà montane che sono quelle che maggiormente risentono di problemi di bilancio.