fbpx

Valida in tutta la provincia, la Bari Guest Card nasce con il duplice scopo di organizzare in forma tecnologicamente efficiente l’offerta turistico-culturale e di aiutare le amministrazioni a capire quali eventi e attività organizzare per venire incontro alle preferenze dei turisti


Una tessera elettronica a disposizione dei turisti e valida in tutta l’area metropolitana, quella che una volta si chiamava provincia, di Bari. Con un duplice obiettivo: far conoscere i beni culturali e turistici e organizzarli secondo una logica integrata, accessibile e tecnologicamente efficace per conoscere meglio le preferenze dei visitatori.
Dopo un’analisi approfondita dei dati relativi all’andamento dei flussi turistici nella città di Bari e nel territorio metropolitano, il Comune del capoluogo pugliese ha ideato e sviluppato il progetto “Bari Guest Card” per la promozione, l’organizzazione e la fruizione del patrimonio culturale e turistico distribuito sul territorio metropolitano e di tutti i servizi innovativi associati.
L’intervento, spiegano dal municipio barese, si colloca all’interno di una strategia complessiva tesa a rafforzare il ruolo di Bari e della città metropolitana quale hub di riferimento per il turismo in Puglia. L’idea è quella di valorizzare la centralità della città di Bari per tutti gli spostamenti in Puglia e verso Matera, in vista dell’appuntamento con il 2019 (quando la città lucana di Matera sarà capitale europea della cultura).
Per l’attuazione dell’intervento, il Comune di Bari, la Direzione Area Politiche per la Promozione del Territorio, dei Saperi e dei Talenti della Regione Puglia e la Direzione Generale Musei hanno stipulato una convenzione in via sperimentale per realizzare una card di servizi unica e integrata. La Regione Puglia ha finanziato il progetto per un importo complessivo di 830.000 euro.
Come detto, due sono gli obiettivi principali del progetto, entrambi volti a favorire il rafforzamento delle relazioni tra territorio e operatori del settore culturale e turistico metropolitano. Il primo riguarda la promozione dell’accesso alle informazioni relative ai beni e alle attività culturali e attiene alla realizzazione di un sistema telematico per la promozione degli itinerari culturali da gestire in collaborazione con gli operatori pubblici e privati consentendo al visitatore un accesso alle informazioni e ai servizi attraverso l’utilizzo del web. In quest’ottica si cercherà, inoltre, di catturare l’interesse del turista, invitandolo a scoprire tutte le bellezze dell’itinerario che partendo da Bari si snoda in tutta la Puglia e verso Matera, attraverso l’utilizzo di reti multimediali che segnalino opportunamente i punti cruciali di interesse turistico e culturale lungo l’itinerario (castelli, musei, parchi).
Il secondo obiettivo è relativo all’organizzazione dell’accoglienza: la corretta fruizione dei beni culturali richiede, oltre alla piena agibilità delle risorse culturali, anche un’agevole accessibilità logistica per quanti vogliano godere delle bellezze artistiche di un territorio. La risposta a tali esigenze è quindi l’introduzione di una card elettronica che renda facile e conveniente l’accesso a musei, siti archeologici, attività culturali presso contenitori pubblici o privati, servizi culturali e per il tempo libero. La “Bari Guest Card” rappresenterà così un biglietto unico di accesso ai servizi turistici offerti da una città o da un territorio vasto, attraverso cui ottenere agevolazioni o sconti presso le attività convenzionate, i musei ma anche, nel lungo termine, per i trasporti pubblici.
La “Bari Guest Card” si pone quindi come strumento utile ai territori non solo per la promozione delle proprie bellezze architettoniche, quanto soprattutto per la creazione di un vero e proprio circuito turistico-culturale in grado di mettere insieme pubbliche amministrazioni e operatori di settore. Così il turista in arrivo a Bari sarà invogliato alla visita delle numerose altre località lungo questa direttrice, non fermandosi solo nei centri più grandi e noti. In tal modo si innescherà un circuito virtuoso con effetti moltiplicatori in tutto il territorio di riferimento.
Le tecnologie a servizio del sistema consentiranno, inoltre, alle amministrazioni di disporre di un patrimonio informativo ricchissimo circa l’esperienza turistica vissuta dai visitatori, patrimonio che consentirà alle amministrazioni pubbliche di programmare eventi e manifestazioni sempre più in linea con le esigenze dei fruitori.

LEGGI ANCHE: Bari, la provincia lancia il concorso per il simbolo unitario

Turismo accessibile, Bari recluta in rete strutture ricettive ed esercizi commerciali

Per il prossimo Natale, Bari sfidi la Lapponia