fbpx

Crotone inaugura il nuovo portale per la valorizzazione turistica del territorio. Un progetto diventato realtà grazie al coinvolgimento di Comuni, associazioni, università ed enti. E per arricchire l'offerta del sito basterà una segnalazione


È servito lo sforzo congiunto di istituzioni e associazioni per vincere la "scommessa" di Krotontur. E di scommessa vinta parla il Comune di Crotone nel presentare www.krotontur.it, il portale del progetto che è finalmente on line.
L'iniziativa è stata illustrata dall'assessore alla Cultura e Turismo del Comune di Crotone, Antonella Giungata, alla presenza del collega alle Attività Produttive, Francesco Barretta.
Insieme agli assessori c'erano anche Anna Vitteritti, dirigente Settore Programmazione della Provincia di Cosenza; Gabriella Fittante, funzionario della Provincia di Cosenza; Tullio Romita, docente dell'Unical, e i rappresentanti dell'agenzia per lo sviluppo di Heraklion, partner del progetto, Emmanouill Kokosalis presidente ed Eva Katsaraki funzionario dell'agenzia. Via web era collegato anche Federico Lasco, dirigente del Ministero per lo Sviluppo Agenzia per la Coesione Territoriale.
Krotontur (Sistema Informativo Territoriale per il Turismo e la Cultura) nasce come strumento per la valorizzazione turistica del territorio che va oltre quello comunale. Come spiegano dalla città calabrese, vuole proporsi come strumento di lavoro per le amministrazioni pubbliche, per gli operatori economici, per chi è responsabile dell'utilizzo e dello sviluppo in chiave turistica del territorio, per chi programma e progetta prodotti turistici. "Krotontur si rivolge, inoltre, direttamente allo studioso, al ricercatore, al giornalista, allo studente, al turista, a tutti quei soggetti che per lavoro, studio o passione hanno l'esigenza di approfondire le conoscenze turistiche presenti sul territorio" si legge nella nota ufficiale, che specifica come "il portale rappresenta non solo un servizio utile e necessario ma un importante strumento ai fini del potenziamento dell'accoglienza turistica".
Per trasformare Krotontur in realtà, ai partner istituzionali si sono aggiunti quelli che hanno aderito successivamente agli incontri promossi sul territorio, tra cui la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria, l'Arsac, la Camera di Commercio, l'Arcidiocesi di Crotone, la Provincia di Crotone, il Gal, la Lega Navale Italiana, l'Aeroporto di Crotone, la Pro Loco, Confindustria, Cultura e Innovazione, Centro Herakles della Calabria, Centro Ricerche e Studi sul Turismo dell'Università della Calabria, i Comuni di Cutro, Melissa, Strongoli, Cirò Marina, l'Istituto Professionale di Cutro, l'Istituto Pertini - Santoni, l'Istituto Nautico Ciliberto, la cooperativa Buone Prassi, Orme nel Parco di Zagarise, ISES, 4 Connect, il sistema bibliotecario Lametino e Vibonese.
Krotontur contiene informazioni fornite a livello comunale e da tutti gli altri soggetti che collaborano alla realizzazione del servizio. Tra le aree tematiche: gastronomia, prodotti tipici, eventi, strutture ricettive, impianti per lo sport, personaggi e fatti storici, risorse storiche, artistiche e culturali, ristorazione, risorse naturali, servizi di utilità generali e di informazione.
Alla voce "contatti", inoltre, si possono inserire i propri dati e il testo della comunicazione al fine di segnalare informazioni utili ad arricchire il portale stesso.

LEGGI ANCHE: Catanzaro, il Comune vuole la spiaggia più bella e accessibile d'Italia

Cotronei, il piccolo Comune calabrese con progetti da 5 milioni per turismo e cultura

Reggio Calabria chiama a raccolta la città per gli eventi estivi