fbpx

La patria di uno dei marmi più noti al mondo rinnova l'appuntamento con la manifestazione che valorizza l'eccellenza locale mettendola in vetrina per le vie della città. E gli spazi espositivi sono messi a disposizione gratuitamente dal Comune


Carrara, in tutto il mondo, è semplicemente sinonimo di marmo: un marmo tra i più pregiati, fin dai tempi di Giulio Cesare. Leggenda vuole che Michelangelo si recasse a Carrara per scegliere personalmente i blocchi di marmo da cui "estrarre" le proprie opere, come quel Mosè di tale perfezione da far chiedere a Michelangelo stesso "Perché non parli?".
Ma il marmo di Carrara non è solo un materiale da esportare in tutto il mondo: è anche uno strumento, un mezzo che Carrara ha per importare turismo sul proprio territorio, per far conoscere ad artisti e appassionati l'origine di quella pietra universalmente nota. Ed è con questi obiettivi che ogni estate da alcuni anni la città ha realizzato le Carrara Marble Weeks, manifestazione che anima e valorizza il centro città attraverso iniziative di varia natura legate all'architettura, al design e all'arte in genere.
Negli ultimi due anni via Verdi, detta anche "via dell'arte", ha ospitato durante l'estate una programmazione artistico culturale favorendo contestualmente la valorizzazione delle energie emergenti architettoniche e delle tradizioni millenarie locali nell'ambito della scultura in marmo.
"Carrara da sempre accoglie scultori provenienti da ogni dove, che spesso eligono la città a propria patria artistica contribuendo, contestualmente ad associazioni e laboratori, alla valorizzazione del ruolo di città d'arte legata alla scultura per cui Carrara è nota nel mondo" spiegano dal Comune toscano. L'amministrazione comunale intende quindi dare visibilità a questi protagonisti mettendo loro a disposizione una "vetrina" temporanea per la creazione di showroom, installazioni artistiche e altro. A disposizione e gratuitamente, senza chiedere contributi agli artisti.
"Diverse location lungo l'asse di via Verdi/via L. Giorgi, piazza Alberica e zone limitrofe e la piazza XXVII Aprile, percorso interessato dall'antologica dedicata a Agustin Cardenas e da Carrara Marble Weeks, accoglieranno le proposte provenienti da artisti, associazioni o laboratori, singole o collettive, selezionate da apposita commissione, da realizzare nel corso dell'estate 2015" specifica il comunicato ufficiale, sottolineando che "i siti saranno messi a disposizione gratuitamente dal Comune di Carrara, che provvederà anche a dare comunicazione dell'iniziativa; gli artisti, le associazioni o i laboratori cui gli stessi saranno concessi, dovranno provvedere autonomamente all'allestimento e alla gestione del sito, garantendone l'apertura al pubblico nelle ore serali (dalle 19 alle 23/24) dal giovedì alla domenica, da fine giugno a metà settembre".

Nello stesso periodo saranno messi a disposizione anche gli spazi espositivi del Museo Civico del Marmo, ubicato lungo viale XX Settembre, da sempre struttura dedicata alla valorizzazione e promozione della cultura locale. I suddetti spazi saranno concessi alle medesime condizioni dei locali del centro storico, ma saranno aperti in base all'orario di apertura al pubblico del Museo. C'è tempo fino al 18 giugno per inviare la propria proposta in modo da avere uno spazio.

Per maggiori informazioni:
http://www.comune.carrara.ms.gov.it/archivio10_notizie-e-comunicati_0_731_0_1.html

 

LEGGI ANCHE: Toscana, 4 milioni a giovani e artigiani per la formazione sul territorio

Artigianato, alimentare e turismo: le PMI motore dello sviluppo al Sud

Botteghe in movimento, Roma e Lazio mettono in vetrina l'artigianato di qualità

"Affitto gratis la mia fabbrica a chi investe nel territorio"

 

Fonte foto: pagina Facebook Carrara Marble Weeks