fbpx

Da domani, mercoledì 6 maggio, al 20 l'VIII edizione del "fuorisalone" dell'enogastronomia partenopea. Coinvolte 84 aziende vitivinicole e 130 location tra attività commerciali e case private

 

Si svolge dal 6 al 20 maggio l'VIII edizione di Wine&Thecity, il progetto nato a Napoli nel 2008 da un'idea di Donatella Bernabò Silorata come "Fuori salone del vino" di Vitignoitalia. È stato il primo "fuori salone" di un evento eno-gastronomico, e oggi è una festa mobile, un evento diffuso e in movimento che quest'anno fa parte del programma napoletano per Expo 2015.
"Un'azione collettiva che mette in rete menti creative e in moto la città. Azioni di arte pubblica, vernissage, performance, aperitivi in boutique, cene nomadi in case private e teatro in spazi non convenzionali, itinerari urbani insoliti, mostre di fotografia e di design invadono e animano la città" spiega il sito ufficiale "Wine&thecity è performance e installazione sul tessuto urbano".
Quest'anno Wine&Thecity mette in rete 130 indirizzi tra Chiaia il Centro antico e il Vomero, 130 location tra boutique, gioiellerie, gallerie d'arte e design, grandi alberghi, atelier di artisti e creativi, ristoranti, wine bar, giardini, monumenti e vigne metropolitane in una staffetta di appuntamenti intorno alla cultura e al piacere del buon vino. Come spiega il Comune di Napoli, a partecipare all'edizione 2015 di Wine&Thecity anche 84 aziende vitivinicole e alcuni tra i più interessanti progetti culturali e imprenditoriali della città.
Partecipano infatti ADI Campania (Associazione per il Design Industriale), Ais Napoli (Associazione Italiana Sommelier delegazione di Napoli), Catacombe di Napoli, Centro di Musica Antica Fondazione Pietà dei Turchini, Coro Giovanile del Teatro di San Carlo, Cooperativa l'Orsa Maggiore - La Gloriette, Datè, Donne del Vino, Gallerie d'Italia-Palazzo Zevallos, Goethe-Institut, Museo Diocesano, Museo Hermann Nitsch-Fondazione Morra, Monzù Catering, Movimento Turismo del Vino della Campania, NapolinVespa, Pastificio dei Campi, Sannio Consorzio Tutela Vini, Teatro dell'Anima, Teatri in Gestazione, Wunderkammer, Yelp Napoli.
"Quindici giorni di ebbrezza, di appuntamenti e degustazioni" spiegano ancora dal Comune "dal sottosuolo al mare, dalle vigne metropolitane alle vie dello shopping". Azioni di arte pubblica, vernissage, performance, aperitivi in boutique, cene nomadi in case private e teatro in spazi non convenzionali, itinerari urbani insoliti, mostre di fotografia e di design invadono e animano la città. Il tutto con un pensiero rivolto a Milano, dal momento che l'iniziativa rientra nel programma 2015 NAPOLIperEXPO del Comune di Napoli.

Il video di presentazione

{youtube}IW4H0mRHRK8{/youtube}

 

LEGGI ANCHE: NAPOLIperEXPO, il programma per sfruttare il patrimonio alimentare partenopeo

Turismo e beni culturali, al Sud la Campania davanti a tutti

Vinitaly 2015, l'"aperitivo" per Expo di un settore made in Italy da 14 miliardi