fbpx

Laboratorio per la realizzazione di eventi sostenibili per i Comuni delle Province di Forli-Cesena, Ravenna e Rimini: l'obiettivo è diminuire i rifiuti e gli sprechi grazie alla partecipazione di tutti e alla misurazione degli impatti ambientali attraverso le tecnologie


Eventi ecosostenibili per la Romagna, coniugando inclusione sociale e rispetto dell'ambiente attraverso pratiche sostenibili. Si è svolto in questi giorni nella sede della Provincia di Rimini il Laboratorio per la realizzazione di eventi sostenibili per i Comuni delle Province di Forlì-Cesena, Ravenna e appunto Rimini.
Il laboratorio, organizzato da Provincia di Rimini, ERVET Emilia-Romagna Valorizzazione Territorio e ANCI Emilia-Romagna, ha analizzato e discusso vantaggi, risparmi e possibili soluzioni nell'ambito del progetto europeo Zero Waste. Si tratta di un progetto co-finanziato dal Programma IPA Adriatico e di cui la Provincia di Rimini (insieme a ERVET) è partner, e l'obiettivo è quello di incoraggiare e stimolare la realizzazione di eventi più sostenibili e diminuire i rifiuti e gli sprechi grazie alla partecipazione di tutti.

Eventi e festival che s'impegnano ad adottare e diffondere una cultura della sostenibilità, ovvero azioni green, di inclusione sociale e partecipazione del territorio in un'ottica di economicità, entrano a far parte della rete Zero Waste che li promuove attraverso la Piattaforma "Rifiuti Zero nel turismo 2.0". Questo strumento geolocalizza gli eventi ed è in grado di misurare e tenere monitorati gli impatti ambientali, sociali, culturali ed economici, fornendo linee guida, indicazioni sui prodotti e fornitori, un sistema di calcolo degli impatti, inclusa la compensazione di anidride carbonica.
Nel corso del laboratorio romagnolo sono state approfondite le conoscenze specifiche sul mondo degli eventi sostenibili e il concetto di sostenibilità di un evento, analizzando le motivazioni che possono spingere un committente, privato o pubblico, a voler realizzare eventi di questo tipo. Sono state poi esaminate case history nazionali e internazionali, l'evoluzione del concetto di evento sostenibile in Italia e il caso di EXPO 2015.
Infine sono stati affrontati i temi riguardanti la gestione degli aspetti critici associati alle principali attività di un organizzatore nell'intero ciclo di vita dell'evento; le metodologie e gli strumenti utili per la progettazione responsabile degli eventi (per esempio, come agire per ridurre i rifiuti e tagliare le emissioni di CO2); i costi associati alle scelte sostenibili.

 

LEGGI ANCHE: A Trento le prime Universiadi ecosostenibili

La Notte Rosa si allunga dalla Romagna fino alle Marche

Ambiente, 7 milioni di euro alle imprese di turismo e commercio in Emilia Romagna