fbpx

Due bandi e 4,5 milioni di fondi per favorire la scoperta del territorio lucano attraverso l'utilizzo dei camper, abbinare il turismo itinerante a quello rurale, incrementare la permanenza dei turisti in luoghi non inseriti nei circuiti turistici locali, favorire l'incremento dell'offerta dei servizi turistici e delle attività imprenditoriali agroalimentari nelle aree interne della Basilicata

Ventotto Comuni della Basilicata insieme per veicolare – in camper – la conoscenza delle risorse naturali, enogastronomiche e paesaggistiche e della biodiversità presenti sul territorio lucano.
Si chiama "Basilicata in camper" il progetto finanziato con 4,5 milioni di euro dal Dipartimento regionale politiche agricole e forestali, presentato ieri in Regione ai sindaci dei 28 Comuni che hanno aderito. Il progetto, finanziato con due appositi bandi, si sviluppa su cinque punti: come azione di marketing territoriale; per favorire la scoperta del territorio lucano attraverso l'utilizzo dei camper; per abbinare il turismo itinerante a quello rurale e agrituristico; per incrementare la permanenza dei turisti in luoghi non inseriti nei circuiti turistici locali; per favorire l'incremento dell'offerta dei servizi turistici e delle attività imprenditoriali agroalimentari nelle aree interne della Basilicata.
L'obiettivo, spiega la nota ufficiale della Regione, è quindi intercettare i numerosi flussi turistici di coloro che utilizzano il camper come veicolo per accrescere, in una prospettiva di sviluppo turistico sostenibile, la conoscenza delle risorse naturali, enogastronomiche e paesaggistiche e della biodiversità presenti in Basilicata. In tale quadro il progetto sarà pubblicizzato anche a Expo 2015 nel programma "Expo territori" in modo da intercettare i flussi di visitatori e dirottarli verso la Basilicata. Tale azione divulgativa sarà supportata dalla rivista Plein Air, magazine leader in Italia nel settore del turismo ambientale ed escursionistico: l'accordo con Plein Air prevede gratuitamente il lancio del programma/messaggio "Località porte aperte" da maggio a settembre.
I Comuni lucani in cui sono presenti le aree camper già realizzate potranno assumere tutte le iniziative previste, tra cui la promozione con sconti ai camperisti tesserati per l'acquisto di prodotti tipici presso le trattorie e gli agriturismi. Nella prossima estate, inoltre, saranno organizzati i weekend denominati "La festa della Basilicata Plein Air" pubblicizzati anche sul sito www.pleinair.it e attraverso un'apposita newsletter. Per un miglior coordinamento la segreteria del Club aprirà un filo diretto con le singole località lucane che potranno far conoscere i luoghi, gli eventi e le iniziative in programma. Spetta al Dipartimento Politiche agricole, in collaborazione con l'Apt, la mappatura dei siti e l'elaborazione dei percorsi per la realizzazione di itinerari e pacchetti per il turismo rurale itinerante. Inoltre, sarà realizzato del materiale pubblicitario sul turismo itinerante in Basilicata. È infine previsto il potenziamento della rete, dei servizi di social network con l'incentivazione dei servizi legati al turismo rurale lucano, favorendo soprattutto le aree svantaggiate del territorio.

 

LEGGI ANCHE: Basilicata, continua la "bella stagione" del turismo regionale

Cresce il turismo in Basilicata, da "coast to coast"

Turismo, cultura e Unesco: l'alleanza pugliese-lucana tra Andria e Matera