fbpx

Il capoluogo scaligero e quelli di Grezzana, Negrar e Roverè insieme alla Regione per sviluppare progetti e iniziative dedicate allo sviluppo del turismo rurale


Un patto per il turismo rurale nel territorio a nord di Verona. È quanto si propone di sviluppare il progetto europeo RURBANCE su cui la Regione Veneto è al lavoro da due anni con i Comuni di Verona, Grezzana, Negrar e Roverè. L'obiettivo è proporre interventi che colleghino il centro urbano e le valli veronesi portando benefici a tutto il territorio. Il primo esito è stato il progetto di una ciclopista che unisce la veronese Piazza Bra con la Valpolicella, la Valpantena e la Val Squaranto, presentata per un finanziamento dei Fondi Europei di Sviluppo.
Ora si stanno raccogliendo proposte attraverso una serie d'incontri con aziende e associazioni sul territorio per creare intorno alla ciclopista una rete di attività finalizzate al turismo rurale. Il primo incontro a Grezzana, informano dalla Regione Veneto, ha visto una partecipazione di 90 persone e sono state raccolte 39 proposte.
L'idea generale che si va delineando è quella di un accordo di collaborazione, un "Patto" che coinvolga Comuni e Regione insieme alle aziende produttrici e alle associazioni. Questo patto vuole attingere a tutte le fonti di finanziamento (Programma di Sviluppo Rurale, POR, Interreg) per attivare una serie d'interventi a sostegno di un turismo sostenibile in queste valli dedite all'agricoltura. Le prime proposte raccolte dalle aziende riguardano ad esempio il recupero del patrimonio storico, il miglioramento delle aree boschive, la commercializzazione dei prodotti locali tramite punti vendita sul territorio. Si vuole provare a costruire una rete che sostenga le aziende nella ricerca dei finanziamenti per questi interventi e offra servizi comuni per il turismo e la promozione dei prodotti.
Di tutto questo si parlerà domani pomeriggio nel secondo incontro a Negrar. L'incontro sarà per la maggior parte dedicato a tavoli di discussione su queste proposte, con la partecipazione di aziende e istituzioni, su temi quali le attività da sviluppare sul territorio, gli obiettivi da porsi, le modalità di gestione.


LEGGI ANCHE: Verona e Trentino insieme per cultura e turismo

Vinitaly 2015, l'"aperitivo" per Expo di un settore made in Italy da 14 miliardi

Serbia, 175 milioni dall'Europa per sviluppo agricolo e turismo rurale

L'importanza e la bellezza della diversità: far ripartire l'Italia dal patrimonio rurale