fbpx

Siglata la convenzione biennale che mette a disposizione un plafond di 30 milioni di euro per finanziamenti e investimenti destinati alle piccole e medie imprese del settore turistico commerciale
La provincia Granda, il Cuneese, fa le cose in grande: siglata venerdì scorso la convenzione biennale che mette a disposizione un plafond di 30 milioni di euro per le piccole e medie imprese del settore turistico commerciale. A raggiungere l'accordo la Cassa di Risparmio di Fossano, la Confcommercio della provincia di Cuneo, la Cooperativa di Garanzia del Commercio, del Turismo e dei Servizi della Provincia di Cuneo e l'Ascom di Fossano.

La convenzione, spiegano i promotori dell'iniziativa, è la naturale prosecuzione dell'accordo tra la Cassa e la Cooperativa C.T.S. che da anni offre agli associati condizioni agevolate per l'accesso al credito. Con il nuovo testo, la CRF favorirà investimenti per avviare o rimodernare l'attività e per riequilibrare la situazione finanziaria, cercando così di andare incontro alle sempre più pressanti esigenze del territorio. Gli operatori del settore avranno accesso a condizioni particolarmente favorevoli per finanziamenti massimi di 100.000 euro fino a 10 anni.
"Questo nuovo accordo sostiene lo sviluppo di un settore economico importante, che da sempre contribuisce allo sviluppo del territorio e che lo rende vitale grazie alle numerose iniziative che propone" ha dichiarato Beppe Ghisolfi , presidente della Cassa di Risparmio di Fossano.

"In questo momento di crisi, nel quale è sempre più difficile 'fare impresa', chiediamo alle banche, e specificamente a quelle del territorio, di confermarsi attente al tessuto produttivo, per poter dare un nuovo impulso al sistema economico. L'accordo con Cassa di Risparmio di Fossano conferma gli ottimi rapporti instaurati da parte della Confcommercio con gli istituti di credito del territorio e concretizza la volontà di continuare ad impegnarsi per sostenere l'importante tessuto produttivo delle PMI" ha affermato Ferruccio Dardanello, presidente della Confcommercio cuneese.
"Occorre ogni sforzo per rendere possibile e non troppo costoso l'accesso al credito" è l'analisi di Luca Chiapella, presidente della Cooperativa C.T.S., confidi di riferimento per il settore Terziario. "Bisogna investire ogni energia per offrire alle imprese strumenti adeguati per attraversare il periodo di crisi e affacciarsi al futuro, e il segnale che giunge da questo accordo è senz'altro utile anche per ricreare un necessario clima di ottimismo e uno spirito di squadra positivo" concorda Giancarlo Fruttero, presidente della Ascom Confcommercio della zona di Fossano.

 

LEGGI ANCHE: Turismo culturale, in Piemonte 31 buyer da tutto il mondo

In Piemonte è il turismo a trainare l'economia