fbpx

Una selezione di opere di Salvador Dalì, celeberrimo artista spagnolo atterrerà in Brasile dal prossimo maggio, in occasione dei mondiali di calcio. Una situazione che ricorda il prestito (negato) dei Bronzi di Riace all'Expo


"Dopo il successo delle esposizioni di Parigi e Madrid, l'opera di Salvador Dalì sarà visibile nel continente americano. Precisamente in Brasile" riporta il quotidiano spagnolo El País. L'esposizione sarà inaugurata alla fine di maggio al Museo de Arte de São Paulo (MASP), alcuni giorni prima dell'inizio dei mondiali nella stessa città con la partita tra i padroni di casa verdeoro e la Croazia. In seguito, le opere saranno trasferite al Museo Nazionale di Belle Arti di Rio de Janeiro. "Andremo in Brasile per una esposizione coordinata dal Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofía, dalla Fondazione Gala-Salvador Dalí de Figueres e dal Museo Dalì di Saint Petersburgh, in Florida" ha spiegato Montse Aguer, direttrice del "Centro de Estudios Dalinianos".
Ancora non si sa quali e quante opere viaggeranno in Brasile, ma dal Paese sudamericano hanno espresso il desiderio di esporre le opere del surrealista Dalì come amplificatore della visibilità turistica, non solo sportiva. Una vicenda che mostra qualche analogia con la storia dei Bronzi di Riace all'Expo, una trasferta che dalla Calabria hanno respinto, soprattutto alla luce del fatto che le sculture sono state da poco rimesse in piedi e collocate nel museo nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria, dopo un lungo esilio (da sdraiati) nel palazzo del consiglio regionale calabrese.
La Spagna ha quindi accettato il prestito, e Dalì potrà far bella mostra di sé nel Paese che, da qui al 2016, ospiterà mondiali e olimpiadi.

 

 

LEGGI ANCHE: Mondiali in Brasile, solo le spese dirette dei turisti copriranno tutti gli investimenti

I Bronzi di Riace di nuovo in piedi al museo di Reggio

Expo, dal David a Dubai: Milano passerà il testimone agli Emirati Arabi