fbpx

Enogastronomia sempre in cima alle spese dei turisti stranieri

Continua il buon momento della nostra enogastronomia, sempre più ricercata e premiata dal viaggiatore straniero

Storia, arte e videogame si incontrano a Palazzo Pitti

La Reggia Medicea di Firenze protagonista di un videogame per tablet e smartphone, disponibile a partire dal 30 ottobre

Milano guarda alla Cina, accordo con il tour operator di Stato

Il Comune di Milano ha stretto una partnership con il CITS - China international travel service limited. Cinesi sempre più interessati alla “destinazione Italia”

I borghi sono il futuro dell'Italia

Abbiamo fatto una chiacchierata con Rosanna Mazzia , sindaca di Roseto Capo Spulico (borgo in provincia di Cosenza), da poco eletta Presidente dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia, che riunisce i piccoli Comuni italiani con l’obiettivo di promuovere uno sviluppo locale sostenibile, riscoprendo le piccole realtà territoriali. Con lei abbiamo parlato di autenticità, valorizzazione del territorio, turismo esperienziale e obiettivi futuri dell’Associazione.

La tintarella al mare sempre di moda tra gli stranieri

Cresce la spesa turistica straniera sulle nostre spiagge e ovunque ci sia uno specchio d’acqua. Forte incremento dagli Stati Uniti e dalla Cina

mautomkgt

amavido

Banner PICS

banner

October 18, 2019

Nel 2018 oltre 11 milioni di notti italiane per i turisti altospendenti esteri

in Dal Mondo

by Teresa Principato

Oggi il Belpaese batte Maldive, Polinesia e DisneyWorld. Entro il 2025 previsto un +6,2%: il…
October 17, 2019

Enogastronomia sempre in cima alle spese dei turisti stranieri

in Notizie

by Riccardo Caldara

Continua il buon momento della nostra enogastronomia, sempre più ricercata e premiata dal viaggiatore straniero
October 16, 2019

Storia, arte e videogame si incontrano a Palazzo Pitti

in Notizie

by Debora Calomino

La Reggia Medicea di Firenze protagonista di un videogame per tablet e smartphone, disponibile a…
October 16, 2019

In Calabria rivoluzionato il sistema di raccolta dati turistici

in Dal Territorio

by Claudio Pizzigallo

L’obiettivo del nuovo software è il miglioramento della raccolta dei dati relativi al turismo, al…
October 11, 2019

Non solo turismo estivo: la Sicilia investe un milione di euro sulla destagionalizzazione

in Dal Territorio

by Teresa Principato

L’Assessorato al Turismo punta sugli spettacoli teatrali e musicali in siti ad alto valore artistico…
October 14, 2019

Io, la Norvegia e il silenzio del Nord

in Opinioni

by Luca Larosa

Questa è la storia di un attimo, quell’attimo nel quale decisi di allontanarmi
October 09, 2019

Recontemporary, a Torino il primo Club della Video Arte in Italia

in Opinioni

by Anna Tomba

Accanto alla Mole Antonelliana, simbolo della Torino sabauda, nasce il primo Club della Video Arte…
October 09, 2019

Monasteri Aperti, l’Emilia Romagna apre i luoghi di culto lungo i suoi Cammini

in Dal Territorio

by Claudio Pizzigallo

Prima edizione dell’iniziativa di Apt Emilia Romagna legata alla promozione turistica degli antichi cammini
October 08, 2019

Capitali europee, Roma la più amata dai turisti

in Dal Mondo

by Riccardo Caldara

Interessante ricerca comparativa commissionata da UniCredit sulla base delle esperienze dei turisti stranieri. Roma supera…
October 07, 2019

Auto e musei, una storia d'amore lunga 50 anni

in Opinioni

by Federica Ellena

L'automobilismo storico: una forma d’arte da tramandare ai posteri
October 07, 2019

Ai turisti francesi piace sempre molto il Bel Paese

in Dal Mondo

by Riccardo Caldara

I vicini d’Oltralpe scelgono l’Italia per la cucina, l’artigianato, la cultura, il benessere e per…
October 02, 2019

L’Umbria pronta a favorire la destagionalizzazione del turismo

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

Un bando della Camera di Commercio di Perugia per contributi a favore di soggetti che…
October 03, 2019

Lombardia al top dei settori ristorazione e alloggio

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

I dati della Camera di Commercio Milano, Monza Brianza e Lodi confermano la leadership nazionale
October 02, 2019

L’Intelligenza Artificiale nel turismo del futuro

in Opinioni

by Paola Musolino

Quali sono e quali saranno le applicazioni della AI nel settore turistico? Quali questioni etiche…
September 30, 2019

La Regione Lazio allunga le piste ciclabili

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

Progetti per 16 milioni di euro porteranno alla mobilità laziale percorsi per oltre 500 nuovi…
September 26, 2019

Milano guarda alla Cina, accordo con il tour operator di Stato

in Notizie

by Riccardo Caldara

Il Comune di Milano ha stretto una partnership con il CITS - China international travel…

Hotel, ristoranti e aziende dell’abbigliamento: secondo i dati dell’Osservatorio Confesercenti sono questi i comparti che nel 2013 hanno patito di più. 50.000 le imprese che hanno chiuso, e a fine anno potrebbero essere persi 90.000 posti di lavoro

 

Quali sono le punte di diamante dell’economia italiana? Con il declino della grande industria, la risposta sembrerebbe facile: la moda, la cucina, il turismo. Eppure sono proprio questi i settori più in crisi, a guardare i dati diffusi in questi giorni dall’Osservatorio Confesercenti, dati che si riferiscono ai primi 8 mesi del 2013 e che parlano di un vero e proprio tracollo che ha colpito le imprese del tessile, del ricettivo e della ristorazione.

Sono state 50.000 le imprese che nei primi due terzi dell’anno hanno cessato la propria attività, con un saldo negativo di quasi 20.000 unità. Se il trend dovesse confermarsi anche nell’ultima parte dell’anno, secondo l’Osservatorio di Confesercenti il segno meno ammonterebbe a 30.000 imprese e a 90.000 posti di lavoro.

Per quanto riguarda la ristorazione collettiva (quello cioè che comprende i servizi di banqueting e catering legati a produzione e distribuzione di pasti pronti per la clientela), per esempio, da gennaio ad agosto si sono registrate 112 attività in meno. Nello stesso periodo si sono chiuse anche 2035 attività commerciali legate al servizio di bar sul territorio nazionale: se si sono registrate 5806 iscrizioni, infatti, si sono contate anche 7841 cessazioni. Tra i ristoranti, sono state 8492 le imprese che hanno abbassato la saracinesca, a fronte di 5909 iscrizioni: il saldo negativo in questo caso è di 2583.

Nel settore della ristorazione è la Campania la regione che paga il prezzo maggiore della crisi: qui infatti c’è il triste primato del saldo negativo tra chiusure e aperture, che tocca quota 289 imprese. Ma è Roma a essere anche la capitale delle chiusure: da gennaio ad agosto sono spariti per sempre dal tessuto economico dell’Urbe 223 ristoranti, record di saldo negativo fra tutte le città italiane con 300 iscrizioni e ben 523 cessazioni rilevate: quasi due chiusure al giorno. Sommate al saldo negativo di 194 imprese di servizio bar ci consegnano il record di ben 417 imprese polverizzate fino ad oggi.

Tra le strutture ricettive e alberghiere, la differenza tra aperture e chiusure è di - 371 strutture, un saldo negativo risultante dal confronto tra le 830 iscrizioni e le 1201 cessazioni registrate da gennaio ad agosto. In questo caso, la regione che ha sofferto di più è l’Emilia Romagna, con un saldo negativo di 58 imprese, seguita dalla Campania (-51) e al terzo posto da un ex aequo che restituisce bene l’immagini di una crisi senza confini: sia la Sicilia che il Trentino Alto Adige, infatti, hanno perso 43 imprese del settore ricettivo.

Se il turismo si lecca le ferite e fa il conto dei danni, non va meglio per un altro comparto dell’economia nostrana teoricamente di punta: la moda. Nei primi otto mesi del 2013 si sono contate 3400 nuove attività nel comparto abbigliamento e tessile, ma anche 8162 chiusure, per un saldo negativo di 4762 unità: in pratica una chiusura su quattro nell'ambito del commercio al dettaglio riguarda l’abbigliamento.

In un panorama così desolante, consola in parte la crescita di un settore in forte espansione: i negozi online. In base alle rilevazioni dell’Osservatorio Confesercenti, infatti, le imprese di commercio al dettaglio che vendono attraverso internet sono aumentate, negli ultimi 20 mesi, del 24,5%, passando da 9180 a 11.430, con crescite più sostenute nel Sud e nel Centro. Un segnale che l’intera economia italiana dovrebbe analizzare e comprendere per un rilancio generale del Paese.

 

Carolina Mailander 

 

LEGGI ANCHE: Qual è il futuro dei musei e della cultura per l’economia italiana?

Flavia Coccia: Economia e turismo devono ripartire insieme

Madrid-Barcellona, in economia “El Clásico” premia la capitale

Gli alberghi leva dell’economia di un territorio

Leggi altre opinioni ..