fbpx

DL Rilancio, il turismo si rimette in moto con una scintilla da 4 miliardi di euro

Nel decreto legge per la ripartenza, grande importanza ai settori del turismo e della cultura attraverso specifiche misure di sostegno. Considerati tutti gli attori della filiera, inclusi agenzie viaggio e tour operator, enti locali e fruitori dei servizi

Tanta empatia e segnali positivi per l’Italia dal bollettino n°1 di Enit

Diminuisce la disponibilità di posti letto per il mese di giugno e aumentano le interazioni empatiche registrate sui social: è il momento di rimboccarsi le maniche guardando al futuro con cauto ottimismo, anche grazie agli strumenti europei di sostegno economico

Enit, per supportare il turismo italiano arriva il Bollettino periodico per imprese e istituzioni

Ogni 15 giorni l’Osservatorio nazionale del turismo di Enit per il MiBACT fornirà dati e informazioni utili per le strategie turistiche durante e post Covid-19. Il numero 0 conferma: l’Italia è nel cuore di tutti

Territori, “prima gli italiani”: il turismo giocato in casa vale 21 miliardi

Positiva la stima della spesa generata da turisti italiani in Italia per le vacanze 2020, purché venga garantita un’offerta in sicurezza per fronteggiare il lockdown psicologico

Musei e fumetti: scopriamo il patrimonio culturale italiano attraverso la nona arte

Fino a sabato 25 aprile, sei delle opere illustrate di Fumetti nei Musei sono disponibili, gratuitamente e a rotazione, nell’ambito delle iniziative #IoRestoACasa e “Art you ready?”

mautomkgt

Monferrato Green Farm

Banner PICS

banner

May 25, 2020

Oltre le barriere del Covid: ecco le Marche raccontate su Facebook

in Dal Territorio

by Teresa Principato

Venti guide escursionistiche racconteranno il territorio marchigiano attraverso contenuti digitali prodotti durante le escursioni: in…
May 21, 2020

Quarantena, un'occasione per mettersi in gioco

in Opinioni

by Martina Burzio

Stiamo tornando a una nuova normalità, una normalità fatta di spostamenti: per tornare al lavoro,…
May 20, 2020

Regione Toscana al lavoro per far ripartire il turismo

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

Al via la promozione dell’estate 2020, al netto delle misure per un’offerta sicura
May 19, 2020

L’Unione dà la forza: ecco le misure di sostegno al turismo dell’UE

in Dal Mondo

by Teresa Principato

Sostegno alla liquidità, agevolazioni fiscali, maggiore flessibilità per le regole sugli aiuti di stato, ma…
May 15, 2020

DL Rilancio, il turismo si rimette in moto con una scintilla da 4 miliardi di…

in Notizie

by Teresa Principato

Nel decreto legge per la ripartenza, grande importanza ai settori del turismo e della cultura…
May 12, 2020

Tanta empatia e segnali positivi per l’Italia dal bollettino n°1 di Enit

in Notizie

by Claudio Pizzigallo

Diminuisce la disponibilità di posti letto per il mese di giugno e aumentano le interazioni…
May 11, 2020

Genova, Milano e Torino tentano insieme il rilancio turistico post pandemia

in Dal Territorio

by Riccardo Caldara

Siglato un protocollo d’intesa per una collaborazione sulla promozione turistica nazionale e internazionale dei prossimi…
May 11, 2020

The Telegraph e i venti buoni motivi per cui i turisti stranieri torneranno in Italia

in Opinioni

by Teresa Principato

L’emergenza sanitaria legata al Coronavirus ha bloccato tutti gli spostamenti non strettamente necessari – quindi,…
May 08, 2020

"Chi può metta, chi non può prenda", Torino città solidale

in Opinioni

by Sarah Vercellone

Partito da Napoli, il "contagio" solidale non conosce confini né confinamenti e arriva fino a…
May 11, 2020

Storia di una libreria prima e dopo il lockdown

in Opinioni

by Claudio Pizzigallo

Intervista a Luigi Colucci, della Libreria Bodoni di Torino
May 08, 2020

Il grande cambio di paradigma

in Opinioni

by Valentina Sicoli

I Deep Trend™ che il Covid-19 ha accelerato: il nostro incontro online con la Professoressa…
May 06, 2020

L’Italia è nei sogni degli “esploratori”, i primi viaggiatori post pandemia

in Editoriale

by Claudio Pizzigallo

Mailander Talks: le indicazioni sullo stato attuale e sul futuro del settore turistico duramente colpito…
May 04, 2020

Territori, “prima gli italiani”: il turismo giocato in casa vale 21 miliardi

in Notizie

by Teresa Principato

Positiva la stima della spesa generata da turisti italiani in Italia per le vacanze 2020,…
April 30, 2020

30 aprile 2014, la notte dello sciamano

in Opinioni

by Stefano Macaluso

Grazie alla Fondazione Gino Macaluso e a Stefano Macaluso per questo racconto dedicato ad Ayrton…
April 29, 2020

I 50 anni dell'Earth Day nell'era del lockdown

in Dal Mondo

by Sarah Vercellone

Per non dimenticare, ai tempi del Covid-19, le problematiche ambientali
April 23, 2020

Turismo di prossimità: la risposta sabauda al Coronavirus è nelle Valli Olimpiche

in Dal Territorio

by Teresa Principato

Il progetto di valorizzazione delle località rese famose da Torino 2006 dell’Università e della Camera…

Hotel, ristoranti e aziende dell’abbigliamento: secondo i dati dell’Osservatorio Confesercenti sono questi i comparti che nel 2013 hanno patito di più. 50.000 le imprese che hanno chiuso, e a fine anno potrebbero essere persi 90.000 posti di lavoro

 

Quali sono le punte di diamante dell’economia italiana? Con il declino della grande industria, la risposta sembrerebbe facile: la moda, la cucina, il turismo. Eppure sono proprio questi i settori più in crisi, a guardare i dati diffusi in questi giorni dall’Osservatorio Confesercenti, dati che si riferiscono ai primi 8 mesi del 2013 e che parlano di un vero e proprio tracollo che ha colpito le imprese del tessile, del ricettivo e della ristorazione.

Sono state 50.000 le imprese che nei primi due terzi dell’anno hanno cessato la propria attività, con un saldo negativo di quasi 20.000 unità. Se il trend dovesse confermarsi anche nell’ultima parte dell’anno, secondo l’Osservatorio di Confesercenti il segno meno ammonterebbe a 30.000 imprese e a 90.000 posti di lavoro.

Per quanto riguarda la ristorazione collettiva (quello cioè che comprende i servizi di banqueting e catering legati a produzione e distribuzione di pasti pronti per la clientela), per esempio, da gennaio ad agosto si sono registrate 112 attività in meno. Nello stesso periodo si sono chiuse anche 2035 attività commerciali legate al servizio di bar sul territorio nazionale: se si sono registrate 5806 iscrizioni, infatti, si sono contate anche 7841 cessazioni. Tra i ristoranti, sono state 8492 le imprese che hanno abbassato la saracinesca, a fronte di 5909 iscrizioni: il saldo negativo in questo caso è di 2583.

Nel settore della ristorazione è la Campania la regione che paga il prezzo maggiore della crisi: qui infatti c’è il triste primato del saldo negativo tra chiusure e aperture, che tocca quota 289 imprese. Ma è Roma a essere anche la capitale delle chiusure: da gennaio ad agosto sono spariti per sempre dal tessuto economico dell’Urbe 223 ristoranti, record di saldo negativo fra tutte le città italiane con 300 iscrizioni e ben 523 cessazioni rilevate: quasi due chiusure al giorno. Sommate al saldo negativo di 194 imprese di servizio bar ci consegnano il record di ben 417 imprese polverizzate fino ad oggi.

Tra le strutture ricettive e alberghiere, la differenza tra aperture e chiusure è di - 371 strutture, un saldo negativo risultante dal confronto tra le 830 iscrizioni e le 1201 cessazioni registrate da gennaio ad agosto. In questo caso, la regione che ha sofferto di più è l’Emilia Romagna, con un saldo negativo di 58 imprese, seguita dalla Campania (-51) e al terzo posto da un ex aequo che restituisce bene l’immagini di una crisi senza confini: sia la Sicilia che il Trentino Alto Adige, infatti, hanno perso 43 imprese del settore ricettivo.

Se il turismo si lecca le ferite e fa il conto dei danni, non va meglio per un altro comparto dell’economia nostrana teoricamente di punta: la moda. Nei primi otto mesi del 2013 si sono contate 3400 nuove attività nel comparto abbigliamento e tessile, ma anche 8162 chiusure, per un saldo negativo di 4762 unità: in pratica una chiusura su quattro nell'ambito del commercio al dettaglio riguarda l’abbigliamento.

In un panorama così desolante, consola in parte la crescita di un settore in forte espansione: i negozi online. In base alle rilevazioni dell’Osservatorio Confesercenti, infatti, le imprese di commercio al dettaglio che vendono attraverso internet sono aumentate, negli ultimi 20 mesi, del 24,5%, passando da 9180 a 11.430, con crescite più sostenute nel Sud e nel Centro. Un segnale che l’intera economia italiana dovrebbe analizzare e comprendere per un rilancio generale del Paese.

 

Carolina Mailander 

 

LEGGI ANCHE: Qual è il futuro dei musei e della cultura per l’economia italiana?

Flavia Coccia: Economia e turismo devono ripartire insieme

Madrid-Barcellona, in economia “El Clásico” premia la capitale

Gli alberghi leva dell’economia di un territorio

Leggi altre opinioni ..

Questo sito utilizza cookie tecnici che ci consentono di migliorare il servizio per l'utenza. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Cookie e Privacy Policy. Leggi di più

Questo sito utilizza cookie tecnici che ci consentono di migliorare il servizio per l'utenza. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Cookie e Privacy Policy. Leggi di più