fbpx

Quello che abbiamo imparato a Nicotera, grazie a un evento capace davvero di “fare rete”

Accogliere, valorizzare, promuovere. Ma anche discutere, condividere, partecipare. L’esperienza di media partnership che abbiamo realizzato a supporto del Festival dell’Ospitalità 2018 ci ha permesso non solo di entrare in contatto con universo di professionisti del turismo, della valorizzazione dei territori e della cultura digitale, ma anche di condividere con loro punti di vista, progetti e opinioni sul presente e ancor di più sul futuro della valorizzazione del territorio italiano.

Da parte nostra, in qualità di media partner dell’evento, abbiamo raccontato la linea editoriale che da sei anni contraddistingue il nostro giornale: storie di successo, buone notizie in grado di infondere e diffondere energia tra le persone che lavorano in questo settore. Ma ancor più di quello che abbiamo detto, è stato importante quello che abbiamo visto e ascoltato da tutti i partecipanti.

Dal Friuli Venezia Giulia alla Puglia, dalla Toscana alla Sicilia, professionisti di tutta Italia si sono riuniti a Nicotera, in Calabria, per mettere in rete le proprie competenze e le proprie esperienze. Proprio come facciamo ogni giorno su questo giornale, in cui superiamo i confini locali – che come noto non esistono agli occhi del turista moderno – nella convinzione che lo sviluppo e la crescita di questo comparto siano essenziali per tutta l’economia italiana. E per la cultura, naturalmente.

Una nota a parte per Francesco Biacca, Nunzia Calderazzo e per tutto il team degli organizzatori del Festival, che si sono dedicati completamente alla tre giorni e ai partecipanti con uno spirito di dedizione encomiabile, e con un’atmosfera resa unica dalla bellezza di Nicotera, dal borgo alla Marina, e dall’entusiasmo dei suoi abitanti.

Dal Festival dell’Ospitalità 2018 siamo tornati tutti, in ogni parte d’Italia, con la certezza che i nostri territori meritano tutto l’impegno e la determinazione possibili che ogni giorno mettiamo nel nostro lavoro. E questa è una lezione che ricorderemo ogni giorno, in attesa di rinnovarne lo spirito nell’edizione 2019.
Non vediamo l’ora!