fbpx

Pro loco, dal latino, letteralmente “a favore di un luogo”. È necessario partire da questa definizione per capire cosa realmente sia una Pro Loco e quanto sia importante per il territorio, lo sviluppo e la promozione dello stesso. La prima Pro Loco nacque in Italia nel lontanissimo 1881 a Pieve Tesino, in Trentino-Alto Adige, con la funzione di promuovere la bellezza del territorio, le personalità e le specificità per renderlo attrattivo per tutti i viaggiatori e i pellegrini dello spirito. Da quella data numerosi eventi si sono succeduti nel tempo apportando altrettante modifiche pur mantenendo i canoni originali.

pro loco messina“Pro Loco - Identità e cultura del territorio” è, come si legge sul sito dell'editore Franco Angeli, “un racconto, un volo, quasi una visione su un'Italia nuova e antica che lotta e s'impegna ogni giorno per non scomparire, indispensabile, purissima sorgente da cui zampillano cultura e biodiversità, emozioni e storia del nostro popolo e fonte viva ormai rara a cui dissetarsi in questo deserto globale che tutto uniforma e rende piatto, ripetitivo. [...] Passioni e immagini, una inedita e originale presentazione del mondo delle Pro Loco, già riconosciuto dall'Unesco nella sua funzione di valorizzazione del patrimonio immateriale, e un'occasione per riflettere sui sentieri che legano passato e futuro pensando all'identità del nostro territorio in una chiave culturale e turistica volta a metterne in risalto tipicità e bellezze”.
Un contributo così importante che l’Università degli Studi di Messina ha deciso di presentare il 14 aprile 2016 alle ore 11 presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Giuridiche (piazza XX settembre n° 1, Messina). Un seminario che vanta la collaborazione di grandi associazioni del settore come Typical Sicily, Unpli Sicilia, Pro Loco e lo stesso Ateneo messinese.

L’appuntamento si articolerà con i saluti istituzionali e la presentazione del libro a cura del prof. Giovanni Moschella (Direttore del Dipartimento); interverranno successivamente Domenico Interdonato (presidente Ucsi Sicilia), Claudio Nardocci (presidente Unione Nazionale Pro Loco Italia), Nino La Spina (presidente Unione Nazionale Pro Loco Regione Sicilia), Santi Gentile (presidente Unione Nazionale Pro Loco - Com. Prov. Messina). I lavori saranno moderati dal prof. Filippo Grasso dell’Università di Messina, esperto del settore e particolarmente attento allo sviluppo e alla promozione del territorio. Un territorio, quello messinese, che ha dato maggior rilievo al settore rinnovando, qualche giorno fa, il Consiglio Provinciale Unpli.
Continua dunque la stretta collaborazione tra associazioni promotrici, enti privati e Università di Messina per lo sviluppo e il progresso del territorio. Una collaborazione che continua a dare frutti e a gettare le basi per un futuro ricco di grandi progetti.
Volendo sottolineare ancora l’impegno dell’Ateneo Messinese, ricordiamo che il giorno 20 aprile alle ore 11 si terrà un seminario presso l’Aula 3 del Dipartimento di Scienze Cognitive, psicologiche, pedagogiche e degli Studi Culturali COSPECS in via Concezione n°6. Denominato “Il turista digitale e la Smart Tourist Destination”, è un seminario organizzato dal corso di laurea magistrale di Turismo e Spettacolo (LM 49-65) e dal corso di laurea triennale TURISMO CULTURALE E DISCIPLINE DELLE ARTI, DELLA MUSICA E DELLO SPETTACOLO (L3-L15) che da tempo formano e indirizzano gli studenti alle professioni turistiche. Un incontro con la prof.ssa Teresa Graziano (Università degli Studi di Sassari) introdotto dal prof. Carmelo Maria Porto (cattedra di Marketing Turistico Territoriale - Unime) e con l’intervento della prof.ssa Caterina Cirelli (cattedra Geografia del turismo - UniCT) e della prof.ssa Caterina Barilaro (vice direttore Cospecs - cattedra di Geografia Culturale - Unime)
Procedendo su questa strada il nostro auspicio è di poter valorizzare le professioni, gli studi e la promozione del territorio, attraverso collaborazioni sempre più fitte nel circuito regionale, nazionale e internazionale.

 

giuseppe cara 180x226Giuseppe Cara

Twitter @giuseppe_cara
Dottore in programmazione e promozione turistica, laureatosi presso l'Università degli Studi di Messina

 

LEGGI ANCHE: "Da Zancle a Messina 2016", archeologia e sinergia tra Università e Soprintendenza

Il turismo culturale nelle isole europee, a Malta una summer school per lo sviluppo scientifico