fbpx
zancle messina 2016

Venerdì 5 febbraio alle ore 12 verrà inaugurata a Messina una nuova mostra archeologica, “Da Zancle a Messina 2016”. La mostra è stata progettata e realizzata grazie a una fruttuosa collaborazione della Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Messina e l’Ateneo peloritano con il Dipartimento di Civiltà Antiche e Moderne.

La mostra nasce dall’intenzione di aggiornare le ricerche storico-archeologiche condotte nella città di Messina, presentate circa 20 anni or sono quando un’omonima mostra fu allestita nei locali del Teatro Vittorio Emanuele. I reperti presenti sono stati raccolti e selezionati tra i più importanti dal punto di vista artistico e storico-archeologico. Prezioso è stato il lavoro svolto dai docenti di Archeologia e Numismatica dell’Ateneo, che hanno successivamente redatto alcuni dei pannelli che arricchiscono il percorso della mostra. Un gruppo di studenti universitari di archeologia, nell’ambito dell’attività di tirocinio, farà da guida esperta lungo il percorso della mostra che resterà aperta fino al 28 febbraio. Il percorso, all’interno della sala museale, è stato organizzato per temi (abitato, necropoli) e per epoche (età preistorica; greco-romana; medievale e moderna). Potranno essere ammirati 170 reperti, prevalentemente inediti, selezionati tra quelli più significativi e di maggiore pregio artistico e storico. Il visitatore potrà ammirare ceramiche di varie epoche, epigrafi e numerose monete che raccontano la lunga e meravigliosa storia della Zecca di Messina.
Un valido spunto per tutti gli operatori turistici della città per valorizzare e rendere fruibile un percorso turistico archeologico che offre numerose tappe; itinerari turistici ad hoc che partendo dall’Antiquarium del Comune, passando dal Museo Regionale fino al Museo Zipelli all’interno dell’Università in Piazza Pugliatti, offrono al turista/visitatore un excursus storico di straordinario fascino.
Sarebbe auspicabile una proroga per dare la possibilità ai tantissimi turisti di visitare tutte le affascinanti scoperte che riportano in vita la storia della città e delle sue genti.


La mostra resterà aperta tutti i giorni presso i prestigiosi locali di Villa Pace, via Consolare Pompea (ME), fino al 28 febbraio con i seguenti orari:
– lunedì-giovedì: dalle 9,00 alle 14,00;
– venerdì-sabato: dalle 9,00 alle 18,00;
– domenica: dalle 9,30 alle 13,30.
Segreteria organizzativa: e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. tel: 090/6768938-39-40-41-33 www.unime.it

 

giuseppe cara 180x226Giuseppe Cara

Dottore in Programmazione e promozione turistica, laureatosi presso l'Università degli Studi di Messina

 

LEGGI ANCHE: Tra leggenda e realtà, il tesoro di Re Alarico a Cosenza

Da Venezia a Rai 1 passando per Palermo: la Sicilia si racconta ai turisti con le immagini