fbpx

Non solo le grandi città, come Roma o Bologna: la tendenza a creare marchi e loghi che identifichino i punti di forza dei territori si estende anche ai medi centri urbani, come dimostrano Cesena e Pesaro


City brand, marchio, logo: la necessità di richiamare attraverso messaggi iconici l'immagine e l'attrattività di una città sta prendendo piede in Italia. Forme e linguaggi diversi, da Roma a Bologna, e ora anche i centri minori come Cesena e Pesaro (e poche settimane fa Gallipoli) lavorano per creare marchi e slogan che rappresentino i "prodotti città" nell'immaginario dei turisti, italiani e stranieri.
La scorsa settimana, a Cesena, si è svolto l'incontro tra l'amministrazione comunale, rappresentata dall'assessore al Turismo Christian Castorri, e gli operatori turistici locali per studiare nuove strategie di promozione del territorio cesenate.
Dopo l'illustrazione da parte dell'assessore delle iniziative e delle novità in corso, si è concordato insieme ai presenti di individuare ogni anno una tematica da promuovere nel corso dei 365 giorni, declinandola sotto vari punti di vista (cultura, enogastronomia, natura, sport).
Durante l'incontro è stata lanciata la proposta del progetto di promo-commercializzazione "Welcome Cesena", un contenitore di iniziative, pacchetti turistici e attività per promuovere la città a livello nazionale e anche oltre frontiera. L'assessore Castorri ha quindi invitato tutti gli operatori turistici a condividere il progetto e a comunicare le proprie opinioni in modo da poter approvare l'atto definitivo.
Gianluca Manuzzi, dell'omonima agenzia di viaggi che ha lanciato la proposta, ha tracciato brevemente le linee del progetto, spiegando che il territorio cesenate ha tante opportunità da cogliere. L'obiettivo è quello di nazionalizzare e internazionalizzare il "prodotto Cesena", proponendolo ai tour operator che promuovono l'Italia, la regione e Cesena stessa anche all'estero. Il ruolo dell'amministrazione comunale sarà invece quello di indicare le linee guida.
Massimo Ferruzzi, della Jfc, ha spiegato che la peculiarità che può offrire una città come Cesena, al di là delle bellezze culturali e storiche, Biblioteca Malatestiana in testa, è sicuramente lo stile di vita, un mix di buona tavola, attenzione al bello, alla salute, allo sport e al divertimento, che sempre più spesso i turisti stranieri prendono a modello. E proprio su queste linee si stanno muovendo ora Comune e operatori in un confronto aperto che proseguirà nel corso delle prossime settimane. "Il momento del confronto con gli operatori del settore è un'occasione stimolante, perché è proprio da loro che possono arrivare i progetti più adatti per Cesena. Allargare il raggio d'azione a livello nazionale, e perché no, anche oltre i confini dell'Italia, è una bella sfida che vogliamo raccogliere consci delle capacità attrattive che la nostra città ha saputo sviluppare nel corso degli ultimi anni" hanno commentato il sindaco Paolo Lucchi e l'assessore Castorri.

 

A una settantina di chilometri da Cesena, idee analoghe sono state dibattute per creare e utlizzare un city brand in grado di rendere riconoscibile sul mercato il marchio Pesaro.
Il sindaco pesarese Matteo Ricci, infatti, ha illustrato ieri la strategia per creare un'identità grafica e digitale di Pesaro, con Cristiano Andreani di The Garage Creative Studio che ha spiegato come applicare il city brand nelle sue declinazioni.
Un video proiettato all'incontro ha proposto possibili semplici usi di #wepesaro. "Albergatori, bagnini, ristoratori, commercianti, tutti gli operatori del territorio possono diventare i protagonisti della campagna di comunicazione lanciata dal Comune di Pesaro per creare l'identità grafica e digitale della città" si legge nella nota ufficiale del Comune marchigiano.
Pesaro ha così definito una strategia di marketing territoriale per valorizzare le straordinarie ricchezze di Pesaro, grazie a un marchio declinato in dieci versioni che rappresentano i punti di forza: mare, cultura e centro storico, musica, sport, ambiente, arti, enogastronomia, benessere, mobilità, made in Pesaro.
Le dieci declinazioni di #wePesaro sono quindi: #cittàdellamusica, #cultura, #movimento, #mare, #accoglienza, #benessere, #madeinpesaro, #cibitipici, #sport e #arti. Il logo ufficiale, pubblicato anche sulla pagina Facebook "Pesaro Cultura" e su quella del sindaco Ricci, è composto dal cuore rovesciato (la P di Pesaro), wepesaro e l'hashtag personalizzabile.

LEGGI ANCHE: Nasce il brand Roma per promuovere la Città Eterna nel mondo

Bologna, il nuovo logo è un alfabeto interattivo

Gallipoli ha il suo marchio. Realizzato da tre veneti

Tigullio, la Liguria sceglie il logo per il turismo e la nautica