fbpx

In poco più di un mese bookingvalledaosta.it ha gestito prenotazioni alberghiere per quasi 100.000 euro, grazie alle 300 strutture che ne usufruiscono gratuitamente. Nucara (Federalberghi): "Non solo camere, ma anche un prodotto turistico e un'identità locale"


Un nuovo sistema di prenotazioni per gli alberghi della Valle d'Aosta, grazie all'intesa tra la Regione autonoma e Federalberghi: il Valle d'Aosta booking, operativo da inizio anno, utilizza la piattaforma messa a disposizione da Federalberghi e gestita dall'Office regional du tourisme, in collaborazione con l'associazione degli albergatori valdostani.
Il servizio è accessibile in versione multilingue (italiano, francese, inglese e tedesco) dal sito bookingvalledaosta.it e da tutte le pagine del sito turistico regionale lovevda.it. Finora, si legge nel sito della Regione, vi hanno aderito 300 strutture che ne potranno usufruire gratuitamente, senza versare provvigioni. È inoltre operativo un call center che garantisce, tra l'altro, un'assistenza sulle disponibilità e anche un servizio di prenotazione telefonica. In poco più di un mese di attività, come ha riferito il presidente dell'Adava (Associazione degli alberagoti valdostani) Alessandro Cavaliere, il nuovo booking ha gestito prenotazioni per circa 94.000 euro.
"Questa iniziativa è un bel segnale perché c'è stata l'assunzione di responsabilità da parte degli operatori alberghieri che hanno messo a disposizione le loro competenze" ha spiegato alla presentazione dell'iniziativa l'assessore regionale al turismo, Aurelio Marguerettaz . Secondo Alessandro Nucara, direttore generale di Federalberghi, si tratta di un sistema aperto che consente di vendere "non solo camere, ma anche un prodotto turistico e un'identità locale".
Sicuramente un modo per dare un'alternativa ai giganti mondiali della prenotazione alberghiera online.

 

LEGGI ANCHE: La Valle d'Aosta dà lavoro ai giovani archeologi

Istruttoria dell'Antitrust contro Expedia e Booking