fbpx

Il Friuli Venezia Giulia firma l'accordo di collaborazione con la prefettura nipponica di Shizuoka. Un gemellaggio tra il sacro monte Fuji e lo Zoncolan che parte dal ciclismo che partirà con la Carnia Bike Classic 2015

Giappone e Friuli Venezia Giulia alleati in montagna grazie al ciclismo. Un gemellaggio esclusivo ed unico al mondo: da una parte il sacro Monte Fuji nella prefettura di Shizuoka, simbolo del Giappone rappresentato in film e manga nipponici; dall'altra parte, quella vicina noi, il Monte Zoncolan, in Carnia, cima storica del Giro d'Italia (presente anche nell'edizione 2014 della corsa rosa). Un accordo destinato secondo i promotori a creare importanti rapporti di reciprocità sportiva, turistica e commerciale tra le due realtà territoriali coinvolte.
L'inedito rapporto di collaborazione, acquisito dal manager Enzo Cainero su mandato di presidente e vicepresidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani e Sergio Bolzonello, è stato presentato ieri a Udine alla presenza anche di una rappresentanza di sindaci della Carnia, in prima fila nella fase operativa in quanto, ha annunciato Cainero, l'abbinamento Fuji-Zoncolan farà il suo concreto esordio all'edizione 2015 della Carnia Bike Classic con l'approdo in regione di una cinquantina di atleti giapponesi con le telecamere di J-Sport TV al seguito, ed altrettanti operatori economici di Shizuoka, area di 3,7 milioni di abitanti valutata estremamente interessante per lo sviluppo di interscambi con il Friuli Venezia Giulia.
"In questi momenti di generale difficoltà è opportuno, anzi fondamentale prefiggersi obiettivi di alto profilo come questo che avvicina la nostra regione alla prefettura di Shizuoka" ha commentato il vicepresidente FVG Bolzonello, come riporta una nota ufficiale. "Il bike-turismo è un prodotto in continua espansione che ha la potenzialità di trattenere a lungo la clientela sul territorio, motivo in più per valorizzare la nostra offerta a livello mondiale" ha commentato Bolzonello.
"È la prima volta al mondo che i giapponesi concedono un rapporto così stretto con il loro Monte Fuji, ma quando hanno visto lo Zoncolan al Giro d'Italia se ne sono innamorati al punto da volerlo conoscere anche per come si presenta in inverno" ha spiegato il manager Cainero "Partiremo dal ciclismo amatoriale per avviare contatti commerciali di eccellente livello che potrebbero aprire le porte di un grande mercato alle nostre aziende e ai nostri prodotti d'eccellenza".
Non solo la Carnia coinvolta nella prima fase sportiva, comunque, in quanto Cainero ha già anticipato la volontà di creare iniziative tra San Daniele, Aquileia, Spilimbergo, Grado, il Collio e Trieste.

LEGGI ANCHE: Il Giappone scopre l'Abruzzo, grazie a un libro

Friuli Venezia Giulia, in 7 mesi mezzo miliardo dai turisti stranieri