fbpx

Per l'Ostensione della Sindone a Torino 70 treni giornalieri a disposizione dei pellegrini, grazie all'intesa per il prossimo anno tra Opera Romana Pellegrinaggi e Trenitalia

Non ci sarà solo l'Expo ad attirare visitatori da tutto il mondo in Italia nel 2015: dal 19 aprile e fino al 24 giugno, prima che inizi e durante i primi mesi dell'Esposizione milanese, a Torino ci sarà infatti l'Ostensione della Sacra Sindone. Facile presumere che non mancheranno fedeli o comunque turisti che da Milano si sposteranno a Torino per la Sindone che torna a essere mostrata in pubblico dopo 2 anni.
E così un accordo di collaborazione è stato siglato tra Opera Romana Pellegrinaggi e Trenitalia per promuovere i viaggi della Fede in Italia nel 2015. L'accordo, che consolida l'ultradecennale partnership tra l'Orp e la società di trasporto del Gruppo Fs Italiane, si concretizzerà da subito, prima dunque dell'Ostensione, e precisamente in occasione del Coordinamento nazionale dell'Orp in programma a Matera dal 9 al 13 novembre 2014.

Tra le iniziative più importanti che attendono la partnership Orp-Trenitalia del 2015 c'è appunto l'Ostensione della Sindone. Le particolari condizioni sono valide in abbinamento a pernottamenti o altri servizi turistici, offerti in collaborazione con l'Orp. Lo spirito dell'accordo sottoscritto e le principali novità previste sono state illustrate da Monsignor Liberio Andreatta, vice presidente e amministratore delegato Orp e da Gianfranco Battisti, direttore Divisione Passeggeri e Alta Velocità di Trenitalia. "Già nel 2010 collaborammo insieme a Trenitalia per l'Ostensione della Sindone. L'obiettivo è quello di far sì che tutti possano partecipare a questo momento di grande spiritualità, grazie a delle combinazioni ferroviarie che favoriscano l'arrivo a Torino da tutta Italia e delle proposte di pernottamento accessibili" ha spiegato mons. Andreatta. Soddisfatto anche il direttore Battisti: "Trenitalia è impegnata a sostenere la forte domanda di mobilità per raggiungere i luoghi di fede. Insieme alla Opera Romana Pellegrinaggi con cui collaboriamo ormai da anni metteremo al servizio delle migliaia di pellegrini che raggiungeranno Torino per l'Ostensione della Sindone tutta la nostra esperienza, insieme a un servizio che, a partire dalle nostre Frecce, si caratterizza per frequenza, comfort e convenienza".
Per l'Ostensione, evento a cui è prevista la presenza di papa Francesco, saranno dunque 70 i treni giornalieri che per l'occasione collegheranno le maggiori città italiane al capoluogo piemontese. "Noi siamo nati e vissuti nei treni per Lourdes, e il treno per noi costituisce una sorta di 'chiesa in movimento'. E' una grande emozione che oggi questa nostra storia continui anche verso la Sindone di Torino, perché dà modo di stare insieme, di pregare, di conoscersi, in modo tale che quando si arriva al santuario o all'evento si sia già costituita una comunità che prima non si conosceva e che si può dire sia nata proprio durante il viaggio in treno" ha detto monsignor Andreatta.
"Trasportiamo tantissimi fedeli in varie destinazioni italiane e ora partecipiamo all'evento di Torino, con pacchetti dedicati per portare più gente possibile e a prezzi accessibili. Inoltre, faremo collegamenti diretti dal porto di Civitavecchia alla stazione di Roma San Pietro e dunque al Vaticano" ha concluso Battisti.

 

LEGGI ANCHE: L'Estensione della Sindone

Sindone ed Expo, per Torino il binomio vale più delle Olimpiadi

Intervista a Monsignor Liberio Andreatta: "L'importanza del turismo religioso"

Turismo religioso, 5 miliardi di euro nel 2014 per l'Italia