fbpx

Accordo tra il Comune umbro e il capoluogo di provincia laziale per la valorizzazione integrata del patrimonio culturale. L'intesa permetterà di programmare l'offerta turistica nel 2015, anno degli Etruschi

La Giunta di Orvieto ha approvato le linee di intenti per la sottoscrizione, tra i Comuni di Orvieto e Viterbo, dell'accordo con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, in base a quanto stabilito dall'ex art. 112 del D.lgs n 42 del 22 gennaio 2004. Nei prossimi giorni dunque il sindaco di Orvieto, Giuseppe Germani, e il collega di Viterbo, Leonardo Michelini, sottoscriveranno la richiesta congiunta al Ministero.
L'accordo tra il Comune umbro e quello laziale consentirà una gestione culturale e turistica del territorio e permetterà una migliore valorizzazione integrata del patrimonio culturale, materiale e immateriale, in particolare per le finalità didattiche e scientifiche, e in sinergia con le rispettive Regioni di appartenenza. L'intesa permetterà al territorio di Orvieto di programmare un'offerta culturale e turistica di assoluta eccellenza in occasione del 2015, anno dedicato agli Etruschi. "Nel 2015, si celebrerà l'Anno degli Etruschi, occasione particolarmente significativa che potrà consentire alle due realtà territoriali, oltre che ai Comuni e alle realtà limitrofe, di presentarsi a un pubblico internazionale con un'offerta culturale e turistica strutturata di assoluta eccellenza" hanno scritto i due sindaci a in una nota congiunta a Tusciaweb.it, testata che insieme all'Università della Tuscia ha dato vita al 2015 "Anno degli Etruschi – I pirati della bellezza". "La stipula dell'accordo in argomento" proseguono Michelini e Germani "potrà contribuire al pieno raggiungimento di questi importanti obiettivi di valorizzazione territoriale che già vedono operare in assoluta sintonia le nostre amministrazioni".
Al fine di coordinare, armonizzare e integrare le attività di valorizzazione dei beni e del patrimonio culturale di appartenenza pubblica, lo Stato, attraverso il Ministero, le Regioni e gli altri Enti Pubblici territoriali stipulano accordi su base regionale, al fine di definire gli obiettivi e fissarne i tempi e le modalità di attuazione. Tra le azioni di sistema che le Amministrazioni Comunali possono realizzare rientrano, pertanto, gli accordi finalizzati alla valorizzazione integrata del patrimonio culturale, materiale e immateriale e, l'accordo tra i Comuni di Orvieto e Viterbo che individua anche le adeguate forme di gestione, tende appunto alla definizione di un piano strategico condiviso di sviluppo culturale del territorio.
"Insieme al Sindaco Giuseppe Germani abbiamo lavorato con energia ed impegno perché questo accordo fosse il primo atto formale verso la costruzione del progetto dell'anno degli Etruschi 2015. Un progetto ambizioso che potremo realizzare soltanto con la condivisione di tutti i protagonisti della cultura cittadina, gli archeologi, gli studiosi, l'università, gli operatori turistici, le istituzioni, i Comuni del territorio della Tuscia, le Regioni coinvolte e il fondamentale sostegno del Ministero dei Beni Culturali e Turistici" ha spiegato l'Assessore alla Cultura del Comune di Orvieto, Vincenzina Anna Maria Martino. "L'Amministrazione Comunale e soprattutto Orvieto, hanno la grande opportunità di scrivere una nuova pagina che guarda al progresso culturale e allo sviluppo. Questo accordo, dalle prospettive ambiziose, va coltivato con cura e attenzione. È una prospettiva che condividiamo con Viterbo, territorio estremamente vicino a noi con il quale siamo legati da storia e da cultura. Partendo dagli Etruschi contiamo di sviluppare progetti culturali, turistici ed economici insieme al sindaco Leonardo Michelini, al vice sindaco Luisa Ciambella e tutti i membri dell'amministrazione viterbese. Questa è la concreta dimostrazione che la cultura e la forza dei progetti superano i confini burocratici e uniscono i territori in una necessaria ambizione di progresso".

 

LEGGI ANCHE: Umbria e Marche alleate sull'Appennino per il distretto della lentezza

Anci e Mibact insieme per promuovere cultura e turismo

Regioni italiane e straniere unite per valorizzare l'Adriatico