fbpx

Torna il 5 giugno la giornata istituita dall'Onu per la tutela dell'ambiente. Un'occasione per riflettere sull'ecosostenibilità del turismo globale


Il turismo è la quarta causa di inquinamento ambientale, ma anche una possibile risorsa per la tutela del nostro pianeta: per questo la Giornata Mondiale dell'Ambiente rappresenta il momento in cui l'industria globale dei viaggi può riflettere su se stessa e sul proprio futuro, che dovrà essere il più sostenibile possibile.
Si moltiplicano quindi anche in Italia le iniziative volte a celebrare il World Environment Day, che si celebra ogni anno il 5 giugno fin dal 1972, quando l'Onu istituì questa giornata intorno allo slogan "Environment for development", ovvero ambiente per lo sviluppo. Celebrata in più di 100 Paesi del mondo, la Giornata Mondiale dell'Ambiente ha quindi come obiettivo fondamentale proprio l'invito a compiere, singolarmente e collettivamente, azioni virtuose per un cambiamento nell'approccio alle risorse naturali della Terra.
Il tema scelto per l'edizione 2014 è infatti "Raise your voice, not the sea level" che significa "alza la voce, non il livello del mare": un richiamo evidente ai problemi climatici e all'innalzamento dei mari, un tema che peraltro riguarda da vicino anche una delle più note mete del turismo mondiale, la nostra Venezia.
Per partecipare alla Giornata Mondiale dell'Ambiente, è possibile registrare le proprie azioni ecologicamente virtuose sul sito dell'Unep, il Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente. In Italia, tra le iniziative per questa giornata si segnala l'incontro al Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano durante il quale verrà presentato il progetto chiamato "Studiare il futuro già accaduto", nato in collaborazione con le Università milanesi e l'autorità di bacino del Po. A Torino, infine, si conclude proprio il 5 giugno la 17ª edizione di Cinemambiente, il film festival dedicato ai temi ambientali.

 

 

LEGGI ANCHE: Turismo sostenibile: il decalogo dell'investitore responsabile

Turismo e natura: 11 miliardi di euro dalle vacanze a contatto con l’ambiente

Se il turismo di massa fa più danni della guerra