fbpx

8 milioni dei pazienti nel mondo cercano cure all’estero: ragioni economiche, ma anche psicologiche. Thailandia, Messico e Turchia le principali mete.

 

 

Il turismo medico - il fenomeno che si verifica quando pazienti che non riescono a trovare le giuste cure nel proprio paese cercano cliniche e ospedali all'estero - sta prosperando con numerosi paesi e strutture che sgomitano per offrire cure di alta qualità a prezzi accessibili. In America, a causa del momentaneo inceppamento dell'Obamacare, l'associazione Patients beyond Borders, che si occupa di veicolare le informazioni sui viaggi della salute, dichiara che 900mila americani hanno varcato i confini per trovare giusti trattamenti nel 2013. E qualora la riforma storica di Obama non dovesse essere implementata, il numero è destinato a crescere: 50 milioni sono gli americani non coperti dall'assicurazione, potenziali nuovi turisti-pazienti.
Tuttavia il fenomeno del viaggio medico non è limitato agli USA: 8 milioni di pazienti nel mondo cercano ogni anno cure all'estero, contribuendo a un giro di affari intorno ai 24/40 miliardi di dollari, come stimato da Patients beyond Borders. Le ragioni che vanno oltre i costi di un viaggio all'estero sono pratiche, migliore terapia e la possibilità di saltare lunghe liste d'attesa, ma anche psicologiche, avere cioè la possibilità di schivare domande e pressioni da parte delle famiglie e degli ambienti di lavoro.
Operazioni odontoiatriche e plastiche in particolare sono le cure che vengono più spesso cercate all'estero. L'associazione Patients beyond Borders ha definito le principali destinazioni del turismo medico. Tra queste:
Thailandia: è la principale destinazione della chirurgia plastica e il cambio di sesso. Nel 2013, un milione di pazienti hanno raggiunto la destinazione. L'ospedale Bumrungrad a Bangkok accoglie pazienti stranieri da vent'anni; un'operazione al naso costa intorno ai 5mila$, un menù delle operazioni è facilmente consultabile sul sito web della struttura.
Messico: Nel 2013, 1 milione di pazienti residenti all'estero si sono fatti curare in Messico: un buon numero è rappresentato dagli ispanici senza documenti che vivono in California, Arizona e Texas, ma anche numerosi americani (50 mila, fonte PbB) decidono di recarsi nelle strutture vicino alla frontiera, come Tijuana Monterrey e Juarez, anche solo per un'operazione dentale. Inoltre sono numerose le strutture che offrono operazioni contro l'obesità al 40-70% in meno che i prezzi in USA.
Turchia: è una destinazione conosciuta per le operazioni oculistiche. Il Dünyagöz Hospitals, un gruppo di strutture con sede principale a Istanbul e satelliti in Germania, Olanda, Inghilterra, opera ogni anno 30 mila pazienti provenienti da 100 paesi del mondo. Un'operazione agli occhi costa 750 €.

 

LEGGI ANCHE: 

L'Iran lancia il turismo medico con un nuovo ospedale-albergo

Un "bel cambiamento" nel turismo israeliano

 

 

(Fonte immagine)